sabato 19 marzo 2016

Partita una nuova petizione contro l’antennona di San Liborio



Per cercare di evitare che l’installazione dell’antenna telefonica che si sta erigendo a San Liborio a Montegranaro venga portata a compimento e per sostenere l’azione già iniziata da diversi residente nel quartiere, dopo una partecipata e sentita discussione all’interno del Gruppo de L’Ape Ronza, è stata lanciata una nuova petizione diretta al Sindaco di Montegranaro e all’Amministrazione Comunale. Questo è il testo:

Nei giorni scorsi diversi residenti del quartiere San Liborio di Montegranaro hanno notato l’inizio di un’opera di costruzione nella loro zona. Informatosi si quanto stava accadendo hanno saputo che si trattava dell’installazione di una grande antenna telefonica. Preoccupati per le notizie molto preoccupanti circa le conseguenze sulla salute dovute alla vicinanza a fonti di emissione di onde elettromagnetiche, molti residenti si sono attivati e hanno raccolto numerose firme per richiedere un incontro con la Sua persona in qualità di Sindaco di Montegranaro.
I firmatari della presente intendono con essa dare il proprio sostegno e solidarietà ai cittadini che già hanno firmato la suddetta richiesta di incontro. Intendono, inoltre e soprattutto, manifestare la propria profonda preoccupazione per quanto sta accadendo sia per il fatto specifico che perche quello che si sta verificando a San Liborio potrebbe accadere in qualsiasi altra zona di Montegranaro.
Inoltre, con la presente, si intende sollecitare il Sindaco e l’Amministrazione Comunale a promuovere ogni azione e atto amministrativo che possa evitare che l’installazione abbia luogo in via definitiva.
Chiediamo, inoltre, che venga utilizzato ogni mezzo legale perché questo non accada, che venga messa in campo ogni forza possibile per scongiurarlo.
Chiediamo che il Sindaco e l’Amministrazione Comunale spendano il proprio peso istituzionale per far desistere le parti private che stanno portando avanti l’operazione a desistere dalla stessa.
Chiediamo, infine, che venga adottato un piano che regoli l’installazione di questi dispositivi in modo che, in futuro, questi non possano essere più installati in prossimità di zone densamente abitate.

L’intento è quello di sollecitare ogni azione possibile per evitare che questa pericolosa installazione abbia seguito. È evidente che l’iniziativa è completamente apartitica anche se gode fin dal suo nascere dell’appoggio del Presidente del Consiglio Walter Antonelli che l’ha caldeggiata fortemente e di tutte le forze di opposizione. Ci si aspetterebbe che anche la maggioranza sposi con entusiasmo l’iniziativa perché, quando si tratta di difendere il nostro paese, non debbono esserci bandiere e partiti.
Ci sono già diversi volontari in giro per far firmare la petizione e la stessa è reperibile anche online a questo link:

Tutta la cittadinanza di Montegranaro è invitata a firmare perché il problema è di tutti e tutti insieme dobbiamo cercare la sua soluzione.

Luca Craia