domenica 3 luglio 2022

Montegranaro sugli scudi. Stefano Ceselli campione italiano sulle ali del mitico Peppe Vesprini.



Quando metti  la passione pura, la competenza e il sangue che pulsa nonostante gli anni che passano, insieme al talento naturale di un atleta tutto cuore e potenza, si vince per forza. Oggi due Montegranaresi d.o.c. hanno portato a casa, a Montegranaro, un altro grande risultato che ci rende orgogliosi. Stefano Ceselli è campione italiano di gym box, sbaragliando la concorrenza nel Campionato Italiano disputato a Lido di Fermo. Ma a dare le dritte e le motivazioni giuste c'era il grande della boxe montegranarerse, Peppe Vesprini, l'uomo che allenava giovani campioni in una palestra improvvisata dentro al Palazzo Agostiniani già negli anni 80 e che non ha mai smesso di credere nei giovani montegranarersi, trovando il suo campione in Stefano Ceselli, tutto muscoli, cuore e talento. E arrivano risultati lusinghieri, premiati dal Sindaco Ubaldi e dall'onorevole Lucentini, sempre presenti quando si innalzano i colori gialloblù. Sono segni di speranza, sono segni di ottimismo nonostante tutto. Montegranaro è ancora grande.


Luca Craia 

Montegranaro. Rapinano un negozio e scappano in scooter. Chi ha visto parli, facciamo quadrato.


Dopo la rapina di un paio di mesi fa in viale Zaccagnini, ancora un grave episodio criminale a Montegranaro dove due individui travisati hanno derubato una nota attività commerciale di via Elpidiense Sud minacciando i clienti con un'arma da taglio per poi dileguarsi a bordo di uno scooter 50 nero senza targa. 

Sono subito intervenuti sia i Carabinieri che la Polizia Municipale, e sono partite le indagini che potranno anche contare sulle immagini delle telecamere di sicurezza del negozio e su quelle della videosorveglianza pubblica. Serve comunque la collaborazione di tutta la comunità cittadina a cui fa appello Endrio Ubaldi, Sindaco di Montegranaro, perché chiunque abbia informazioni o abbia visto uno scooter nero senza targa lo comunichi alle Forze dell'Ordine.

Sindaco molto amareggiato, che ricorda come Montegranaro sia stata classificata con un indice di criminalità inferiore ad altre realtà circostanti "pregiudicando decisamente il finanziamento a fondo perduto per acquistare ulteriori telecamere". Ai commercianti, preoccupati per la situazione, il Sindaco ricorda che stanno arrivando ulteriori telecamere e assicura già dalla prossima settimana una vigilanza maggiore nelle vie dove insistono attività commerciali.

È però importante che sia la stessa comunità cittadina a fare quadrato e vigilare, informando le autorità di ogni movimento sospetto. Non lasciamoci rovinare casa nostra.


Luca Craia 

sabato 2 luglio 2022

Giovani orgogli Montegranaresi. Diego Di Chiara in Nazionale.


Un grandissimo in bocca al lupo al giovanissimo mio concittadino Diego Di Chiara che oggi esordirà nella Nazionale under 12 di baseball guidata da Stefano Burato per poi disputare il Campionato Europeo di categoria che giocherà a Vienna dal 5 al 10 luglio. La Nazionale Italiana è detentrice del trofeo che ha vinto per ben quattro volte consecutive. Il giovane atleta montegranarerse volerà poi a Taiwan per il Campionato Mondiale in scena da 29 luglio al 7 agosto. Forza Diego e forza Italia!


Luca Craia 

Montegranaro e gli eventi. Ognuno faccia la sua parte.

Dire che a Montegranaro non ci sono eventi significa parlare senza sapere, o frequentare altri paesi. Dirlo la settimana dopo la fine del Veregra Street Festival significa essere molto distratti. A Montegranaro gli eventi ci sono, più o meno come ci sono sempre stati, forse recentemente ce n'è qualcuno di più, forse recentemente la gente partecipa di più rispetto al passato anche recente. Gli eventi li organizza il Comune e li organizzano le varie associazioni, spesso collaborando insieme. Persino i privati possono organizzare eventi.

Poi possiamo dire che gli eventi che ci sono non ci piacciono, ma quello è un altro paio di maniche.
Come si fa perché in un paese come Montegranaro ci siano eventi, magari più eventi? Bisogna fare come fanno quelli che gli eventi li organizzano: bisogna pensarli, trovare i soldi, trovare gli spazi, trovare chi ci aiuta, anche il Comune, e poi realizzarli, accorciarsi le maniche e lavorare, lavorare sodo. Ecco come fanno quelli che organizzano gli eventi a Montegranaro, ecco come fanno quelli che organizzano gli eventi negli altri paesi.

E se gli eventi che gli altri organizzano non ci piacciono, ci sembrano noiosi, stoppacciosi, per anziani, nessuno ci impedisce di organizzarne di altri, meno noiosi, stoppacciosi e magari tagliati su misura per i giovani. Sapete come si fa? Tornate all’inizio del capoverso. Il resto è polemica tanto per far andare la lingua e la tastiera.

Luca Craia


 

Autovelox a Montegranaro: educare al rispetto delle regole.

 

Il punto è che dobbiamo imparare a rispettare le regole, a Montegranaro, dopo anni di autoconvincimento, alimentato anche da un forte lassismo da parte delle autorità preposte al controllo, di poter fare quello che volevamo. Anni in cui si è parcheggiato nei modi e nei posti più impensabili, anni in cui i segnali erano soltanto delle decorazioni stradali, anni in cui le strisce pedonali erano un mistero irrisolvibile, anni in cui le strade erano un circuito da Formula 1. Intendiamoci: non tutti i Montegranaresi erano così irrispettosi, anzi: secondo me erano solo una piccola parte, quella parte che ora fa fatica ad adeguarsi a rispettare le regole. Ci vuole tempo e pazienza, impareranno.
I tempi stanno cambiando, e si sta richiedendo ai Montegranaresi di essere più attenti alle norme e, di conseguenza, più rispettosi nei confronti degli altri. L’uso dell’autovelox va in questa direzione, e lo si sta usando in maniera corretta, posizionandolo in modo che sia visibile e segnalato opportunamente nel pieno rispetto delle norme. Quindi, se si prende una multa con l’autovelox, non è perché qualcuno ci ha teso una trappola, ma semplicemente perché andavamo troppo veloci. Fa rabbia, lo so perché è capitato anche a me, ma gli errori prevedono conseguenze, e pensare che il mondo ce l’abbia con noi, o magari, se non proprio il mondo, il Comune, è umano ma sbagliato: la colpa è nostra.
Qualcuno fa paragoni con quanto accaduto qualche anno fa lungo la Mezzina, quando io stesso scrissi più volte che si trattava di una trappola, che le modalità di installazione dell’autovelox, in quel frangente, non rispettavano le norme, non erano corrette e la conseguenza fu che ci furono persone che hanno preso ripetutamente la multa in quel punto perché l’apparecchio non era segnalato adeguatamente. Quello che sta capitando ora è molto diverso: l’autovelox è ben visibile e segnalato bene, per cui paragonarlo al caso “Mezzina” è, come dicevamo, umano ma sbagliato. Se non pretestuoso e strumentale. Proviamo invece ad andare tutti più piano: non prenderemo multe e soprattutto le strade di Montegranaro saranno più sicure. Anche per noi, perché è bene ricordarsi che, quando scendiamo dalla macchina, diventiamo pedoni pure noi. Io ci sto provando.

Luca Craia

I Saluti e i ringraziamenti a Montegranaro e Sutor di Andrea Masini

MONTEGRANARO - Terminato oggi il mio rapporto di collaborazione con la Sutor Basket Montegranaro, intendo ringraziare la Società che ho avuto l’onore di rappresentare in questi due anni sportivi, nella persona del Presidente Sig.ra Molly PIZZUTI e Sig. Mauro GISMONDI e tutti i Dirigenti e Soci, che ne fanno parte, per la fiducia e la stima dimostratami nell’affidarmi il ruolo di Direttore Generale della loro squadra militante nel Campionato di B Nazionale. Sono orgoglioso e onorato di aver contribuito a portare, sempre con rispetto e dignità, il nome Sutor Basket Montegranaro nei campi di tutt’Italia. Purtroppo i risultati sul campo non sono stati positivi, ma il mio impegno giornaliero in ufficio e a fianco della prima squadra e di tutte le componenti societarie, è stato sempre improntato sul massimo impegno per il raggiungimento degli obiettivi della Società. Era per me la prima esperienza in questo ruolo e nonostante i miei errori, che ognuno di noi commette, mi sono sempre assunto le mie responsabilità e profuso impegno e professionalità. Andare a cercare le responsabilità degli insuccessi di questi due anni sportivi non mi compete e sarebbe irrispettoso da parte mia indicare fatti, cose e motivazioni che potrebbero giustificare certe situazioni. Preferisco, come mio stile, chiudere RINGRAZIANDO DI CUORE TUTTI, i Dirigenti del Settore Giovanile e i loro splendidi genitori, i Tifosi che con le loro “critiche” mi hanno sempre stimolato a dare e fare il meglio, le Istituzioni Cittadine, gli Sponsor, i Fornitori, la Nero Servizi, la Sam, i centri medici Paidos, La Fenice e Crisalide, lo Studio Commerciale Benedetti e tutti gli organi di stampa, sempre disponibili e puntuali nei loro commenti. Ringrazio di cuore i miei due più stretti collaboratori, Massimo DE LUCE e Leonardo LUBERTI per la disponibilità e pazienza nei miei confronti, abbiamo creato un gran bel gruppo di lavoro, ma soprattutto un gruppo di persone che si rispettano e si stimano. Due persone di cui la Sutor dovrà tenere di buon conto per il futuro. Ringrazio l’addetto Stampa Sig. Roberto CICCHINE’ per professionalità e competenza e soprattutto per il bel rapporto d’amicizia instaurato. Ringrazio lo Staff Marketing, che pur lavorando dietro le quinte ha profuso impegno e competenza favorendo la crescita della Sutor. Il mio più grande ringraziamento da uomo di “campo” và però alle squadre e agli staff tecnici, ai preparatori fisici e sanitari di questi due anni. Persone meravigliose con cui mi sono confrontato tutti i giorni, talvolta anche a muso duro, come il mio ruolo imponeva, ma sempre nel massimo rispetto.

Da tutti loro ho imparato qualcosa e spero che alcuni dei miei discreti consigli possano servire a tutti loro per la continuazione della carriera. E’ stato un bellissimo percorso che mi ha e mi arricchirà di quella esperienza utile al mio percorso nel mondo della pallacanestro.

 

Grazie di cuore SUTOR grazie MONTEGRANARO

 

 

Andrea Masini

Direttore Generale

Sutor Basket Montegranaro