martedì 14 settembre 2021

LOLLOBRIGIDA A SAN BENEDETTO: “ISTITUIRE UN ASSESSORATO DEL MARE PER RIDARE ORGANICITÀ AL PORTO”


Nel corso della visita del Capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera On. Francesco Lollobrigida al porto di San Benedetto del Tronto, si è tenuta una conferenza stampa nei pressi delle banchine. “Il desiderio di Fratelli d’Italia è far tornare il Porto di San Benedetto a essere quello che era. Negli anni il porto è cresciuto strutturalmente e decresciuto in termini di importanza” sostiene Lollobrigida. “Dal confronto con gli operatori del porto è emerso che sembra più conveniente ormai abbattere le navi che metterle in mare, servono maggior dragaggio e pescaggio, va messa in atto una politica cantieristica a tutto tondo, va incentivata la pesca sportiva” sostiene il Capogruppo, ricordando anche l’impegno di Carlo Fidanza, sambenedettese, in Europa. “Anche al Parlamento europeo il nostro capogruppo si batte per i pescatori italiani e sambenedettesi, bisogna rivedere le norme comunitarie per renderle più organiche”. Alcune impressioni sono emerse anche dall’incontro con la marineria e gli operatori marittimi: “Hanno una visione complessa della portualità – afferma Lollobrigida – non mirata unicamente alla difesa del sistema della pesca, ma tesa a far diventare il porto uno strumento di crescita della comunità, tornandone a essere il nucleo principale. Per questo la nostra proposta è l’istituzione di un Assessorato del Mare che, ricalcando quanto chiesto dalla Regione Marche con la realizzazione di una cabina di regia per rendere sinergiche le diverse attività, permetta di mettere a sistema le molteplici realtà che devono intervenire per riqualificare l’area del Porto”. “Grazie all’azione del Presidente Francesco Acquaroli – aggiunge l’Onorevole Lucia Albano – il porto di San Benedetto ha a disposizione 18,5 milioni di euro, da investire per modernizzare le infrastrutture ed effettuare operazioni di dragaggio da molto attese. Per questo trovo che l’istituzione dell’Assessorato del Mare si renda oggi ancor più necessaria, così da potersi occupare dei diversi aspetti della gestione del sistema portuale, con un’ottica improntata al Buon governo e allo sviluppo di una importante fonte di ricchezza per questa città”.