giovedì 20 maggio 2021

LUCENTINI: MASSIMA ATTENZIONE PER LA “MONTI – MARE”


 

“In qualità di rappresentante politico del fermano, dopo un ampio confronto avuto con il commissario regionale della Lega On. Augusto Marchetti, con il Consigliere Regionale Marco Marinangeli, con il coordinatore provinciale Alan Petrini e l'esecutivo provinciale del mio partito, sento il dovere d'indicare al Presidente delle Giunta Regionale Francesco Acquaroli ed all'Assessore alle Infrastrutture Francesco Baldelli una priorità imprescindibile per il territorio provinciale, che è la realizzazione della strada “Mare – Monti”, che collega la costa alle nostre splendide montagne.

A mio avviso il nome più giusto da dare a questa opera attesa da oltre 20 anni, per la quale c'è già uno studio di fattibilità realizzato da troppo tempo, sarebbe la “MONTI - MARE”, vista l'assoluta necessità dei nostri Comuni dei Sibillini, di poter avere un adeguato collegamento verso valle. Senza voler essere assolutamente “campanilista”, mi permetto di evidenziare come le altre provincie della nostra Regione, hanno tutte degli importanti e funzionali collegamenti a scorrimento veloce dalla costa all'interno, come la S.R. 77 per la Provincia di Macerata, la S.R. 4 Salaria per Ascoli, la S.R. 73 Bis Fano - Urbino per Pesaro e la S.R. 76 Jesi - Fabriano per Ancona.

Ebbene, senza infrastrutture non c'è possibilità di sviluppo per il nostro meraviglioso territorio, in quanto è sempre più indispensabile puntare sul turismo e sulla cultura, ma i nostri centri montani e collinari dovranno essere raggiungibili in maniera più adeguata. In virtù di quanto affermo senza timore di smentite, ritengo che il percorso della nuova strada debba iniziare proprio da Amandola ed arrivare subito sino a Servigliano e da qui la mia proposta di denominarla “MONTI - MARE”. Per questi primi 22 chilometri, parliamo di una strada a due corsie larga 11,5 mt., con raggio di curvatura di almeno 200 mt., che garantirebbe una velocità costante di 90km/h e che potrebbe essere percorsa in pochi minuti.

Per questa opera esiste già uno studio di fattibilità depositato in provincia e si stimerebbe un costo di 60 milioni di euro, mi rendo conto che è una cifra molto significativa, ma questa strada insieme al nuovo Ospedale Provinciale di Fermo dovranno essere le 2 opere più importanti per il Fermano nel prossimo quinquennio. Per quanto concerne la prosecuzione da Servigliano verso valle, sarà fondamentale la consultazione con tutti i Sindaci dei Comuni interessati e dell'intero territorio, sebbene potrebbe essere più agevole realizzare l'ampliamento sulla sponda destra in direzione Grottazzolina, considerata l'attuale predisposizione viaria.

Auspico che da parte della Giunta Regionale vi sia la massima attenzione verso quest'imprescindibile opera, al tempo stesso in qualità di parlamentare del territorio, insieme ai rappresentanti della Lega del Fermano, coinvolgeremo tutti i Sindaci interessati. Insieme al Commissario Regionale On. Marchetti abbiamo già interessato il Vice Ministro On. Morelli per vedere la possibilità di avere importanti finanziamenti anche dal Governo Nazionale per il secondo tratto, come accadde per la Quadrilatero con il Governo di Centro - Destra”.

On. Mauro Lucentini