martedì 27 ottobre 2020

Ristorante aperto per protesta a Pesaro, arriva la polizia. Stasera manifestazione a Civitanova Marche.

 

Si susseguono nelle Marche le iniziative di protesta contro l’ultimo DPCM che chiude ristorazione, palestre e teatri. Oltre all’iniziativa davanti a Palazzo Raffaello di ieri, di cui abbiamo già parlato (leggi articolo), da nord a sud i commercianti colpiti iniziano a muoversi per evidenziare la gravità della situzione e per cercare solidarietà da altre categorie e dai cittadini in generale.

Ieri sera, a Pesaro, in un noto ristorante si è tenuta una cena di protesta, nonostante l’obbligo di chiusura, con oltre 90 commensali. È intervenuta la polizia per sgomberare ma la cena è riuscita comunque ad arrivare al termine, il tutto in diretta sui social. Sempre a Pesaro, centinaia di manifestanti in piazza del Popolo nel tardo pomeriggio.

A Civitanova Marche stasera dovrebbe esserci un’altra manifestazione, in piazza XX Settembre alle 18.30. La notizia sta circolando sui social con il motto “se falliamo noi, fallite voi”, dichiarando l’intento di cercare solidarietà. Si ha notizia di un’altra manifestazione, sempre a Civitanova, prevista per venerdì prossimo.

C’è fermento, quindi, e ci si muove civilmente, pacificamente. Questo è importante, perché gli episodi di violenza registrati in giro per l’Italia non sono un bel segnale e certamente non aiutano a sostenere la causa di chi manifesta. Quello che però è evidente è che c’è una forte esasperazione, che non coinvolge solo i diretti interessati dagli ultimi provvedimenti, ma abbraccia molti cittadini stanchi di subire restrizioni a singhiozzo senza capirne le reali motivazioni. Forse si è tirata troppo la corda.

 

Luca Craia