martedì 9 agosto 2016

Aperto il bando per gli assistenti civici. Il Comune non ne parla. Ne parliamo noi.



È uscito il bando per la formazione di una graduatoria per ottenere l’incarico di assistente civico. Il Comune non fa il solito comunicato Luce per questo argomento, non lo pubblicizza, sembra quasi che in piazza Mazzini siano contenti se la gente non parteciperà. Il perché non lo so ma, con un piccolo sforzo di immaginazione, forse riesco a spiegarmelo. Comunque, in assenza di pubblica pubblicità della cosa, la pubblicità glie la fa L’Ape Ronza.
Di che si tratta? L’assistente civico è un cittadino anziano in pensione o un cittadino disoccupato in situazione di “disagio sociale”, così viene tristemente definito dal bando, che vengono chiamati a svolgere le seguenti funzioni:
- Servizio di vigilanza nelle scuole;
- servizi di sorveglianza presso strutture per manifestazioni di carattere socio-culturale o durante manifestazione organizzate e/o sponsorizzate dal Comune o da altri organi istituzionali;
- salvaguardia e cura del verde pubblico e decoro urbano (vigilanza e cura aiuole, fioriere e giardini, strade, piazze e atri spazi pubblici);
- servizio di ausilio presso la scuola ubicata nel territorio comunale;
- ausilio al comando di Polizia Locale in specifici servizi di utilità collettiva (esempio piani/progetti o interventi i materia di sicurezza stradale).
Il pagamento avverrà tramite voucher del valore singolo di 7.5 Euro e ne verranno riconosciuti 4 ogni 5 ore di lavoro che è paga al limite dello sfruttamento ma, come si dice, piuttosto che niente è meglio piuttosto.
Quali sono i requisiti per essere ammessi? Eccoli:
- essere residenti nel Comune di Montegranaro;
- non avere un’età inferiore a 55 anni e superiore a 75 anni, oppure essere certificati come disoccupati in situazione di disagio sociale. La certificazione viene redatta dai Servizi Sociali;
- avere un reddito ISEE familiare inferiore a 25.000 Euro;
- non avere subito condanne e non avere procedimenti penali in corso oppure non essere mai stati condannati con sentenza passata in giudicato per delitti non colposi commessi mediante violenza contro le persone o il patrimonio. In sostanza, giustamente, delinquenti non ne vogliono;
- essere iscritti alle liste elettorali (quindi sono esclusi gli stranieri);
- non prestare nessuna attività lavorativa, suobordinata o autonoma che sia (ma mi pare ovvio);
- esibire un certificato di idoneità psico-fisica.
I criteri con i quali verrà formata la graduatoria tra gli aventi diritto sono questi:
- reddito ISEE da 0 a 10.000 Euro – punti 3
- reddito ISEE dal 10.001 Euro a 15.000 Euro – punti 2
- reddito ISEE da 15.001 Euro a 25.000 Euro – punti 1
- servizio come “nonno vigile” svolto in precedenza senza demeriti – punti 1
- esperienze lavorativo precedenti a favore della cittadinanza mediante appartenenza a gruppi di volontariato civile, polizia locale o nazionale e forze armate – punti 1.
Per partecipare bisogna compilare l’apposita domanda. La potreste scaricare dal sito internet del Comune ma io ho provato a trovarla senza successo, per cui vi conviene andare direttamente in Municipio e richiederla all’ufficio personale o alla Polizia Municipale. Per informazioni potete chiamare l’ufficio personale al numero 0734/897940. C'è tempo fino alle ore 13 del 6 settembre.

Luca Craia