giovedì 17 giugno 2021

La Sutor butta un ottimo primo tempo e perde in casa il terzo turno della serie. Sutor Montegranaro – Rennova Teramo a Spicchi 50-71

Sutor Montegranaro: Edrauoi, Aguzzoli 11, Riva 2, Torresi, Angellotti, Marini 10, Ciarpella F. 8, Gallizzi 6, Tibs 5, Cipriani ne, Romanò 5, Bonfiglio 3. All: Ciarpella M.

Rennova Teramo a Spicchi: Serroni, Wiltshire, Guilavogui, Faragalli 1, Rossi 18, D’Andrea 6, Esposito 6, Tiberti 12, Cucco 17, Molteni, Di Bonaventura 11. All: Salvemini.

Arbitri: Guarino di Campobasso e Castiglione di Palermo.  

Note. Parziali: 17-13, 33-25, 40-43. Tl: Sutor 3/10, Teramo 7/8. Tiri da 3 punti: Sutor 5/24, Teramo 16/40. Rimbalzi: Sutor 40, Teramo 37.  

 

 

Grazie ad un secondo tempo giocato ai limiti della perfezione, la Rennova Teramo a Spicchi ha sbancato il palasport di Montegranaro battendo la Sutor, in gara 3 del playout con il punteggio finale di 71-50. E’ stata quella andata in scena a Montegranaro la classica partita dei due volti, bene la Sutor nel primo tempo, male nella ripresa dove ha subito tanto, troppo le folate della Rennova senza riuscire ad imprimere i ritmi sperati o quantomeno quelli fatti vedere nel primo tempo. Teramo senza strafare si è riportata in partita e da li in vanati è venuta fuori tutta un'altra gara con la Sutor incapace di reagire e con gli abruzzesi che hanno saputo sfruttare al meglio la loro arma, quella del tiro da tre punti.

Cronaca – Partenza in salita per la Sutor con Teramo che relizzava subito due triple con Esposito e Rossi per lo 0-6 iniziale. La Sutor stentava a carburare, ma era brava a restare concentrata e attenta e un canestro di Tibs portava in vantaggio i veregrensi sul 12-11 dopo 6’30” di gioco. Il primo quarto si chiudeva sul 17-13. Nel secondo periodo Teramo ma mano ricuciva lo strappo aiutata anche da un fallo antisportivo commesso da Gallizzi, 21-20 al 15’. Sul 23 pari, i gialloblù si scuotevano piazzando un parziale di 7-0 chiuso da Aguzzoli per il 30-23 al 17’. Marini nel finale con una tripla importante regalava ai suoi il massimo vantaggio, 33-25 al riposo lungo.

La partita cambiava alla ripresa del gioco, Tiberti da tre punti faceva subito capire che l’aria era cambiata. La Sutor stentava in attacco, ma si manteneva avanti nel punteggio 38-33 al 27’. Teramo però capiva che la partita aveva cambiato padrone e con un parziale di 0-10 si portava avanti sul 38-43 al 29’. Al 30’ il punteggio era di 40-43.

Nell’ultimo quarto Teramo piazzava subito un parziale mortifero di 0-11 e allungava sul 40-54, Tibs e Ciarpella provava a riaprire il match, ma Cucco in stato di grazia ricacciava indietro la rimonta dei calzaturieri. Gli abruzzesi continuavano a colpire il canestro avversario con ottima frequenza e la gara si chiudeva sul 50-71 con Teramo che si porta avanti nella serie 2-1 riguadagnando anche il fattore campo.

Una nota positiva da rimarcare è quella del ritorno dei ragazzi della curva a tifare Sutor, sono entrati nel secondo tempo e non hanno fatto mancare il loro apporto alla squadra. Venerdì, ci sarà bisogno anche del loro tifo per portare la serie alla bella.

“Penso che sia stata una partita fatta di momenti – ha detto il coach Marco Ciarpella – che non abbiamo saputo interpretare al meglio. Dopo aver subito due triple in avvio di gara, siamo stati bravi ad attaccare muovendo bene la palla nonostante la loro aggressività sui piccoli, come era successo in gara due. Siamo stati in grado di trovare altre fonti di gioco che ci hanno permesso di produrre un buon basket. Quando nel secondo quarto, avanti nel punteggio, ci siamo fatti prendere dal nervosismo, potevamo gestire meglio quel momento e Teramo è stata brava a restare attaccata alla partita. Nel secondo tempo il primo canestro dal campo lo abbiamo realizzato dopo 5’ e questo ha permesso a Teramo di abbassare i ritmi. La squadra nei primi 5’ del terzo periodo ha attaccato malissimo la zona che la Rennova ci ha proposto subendo oltremodo il loro tiro da tre punti. Teramo piano piano ha preso fiducia mettendo la testa avanti nel finale del terzo quarto. Alla fine devo dire che realizzare 17 punti nel secondo tempo, sono troppo pochi per poter sperare di portare a casa la vittoria. Nel momento topico della contesa è venuto fuori Cucco con canestri importanti che hanno chiuso la sfida”.

 

L’Ufficio Stampa

Sutor Basket Montegranaro