lunedì 3 maggio 2021

Un frigorifero abbandonato lungo il corso principale per tutto il ponte del Primo Maggio. Ecco cosa ammazza Montegranaro.

 

Non è un bel sistema, quello di far lasciare i rifiuti ingombranti per strada fino al ritiro da parte della ditta incaricata, ma capisco che è difficile trovarne altri e, alla fine, se organizzato bene, il materiale rimane per strada poco tempo. Non è però concepibile vedere un frigorifero abbandonato lungo il corso principale di Montegranaro per tutto il ponte del Primo Maggio. Nel momento in cui scrivo, l’elettrodomestico è ancora lì, sul lato pedonale del corso, a far bella mostra di sé. Lo hanno visto un sacco di Montegranaresi, che hanno fatto ironia amara sui social, e sicuramente lo devono aver visto le autorità cittadine, perché è impensabile, per dire, che nessuno della Polizia Municipale, che ha sede nella piazza soprastante, in tre giorni sia passato per corso Matteotti.

È indecoroso e irrispettoso. Lo è da parte di chi ha pensato di abbandonare quell’oggetto in strada, e lo è da parte di chi non ha fatto nulla per rimuoverlo, lasciandolo lì per tutta la festa. È indecoroso per il paese, una mancanza di amore per il luogo dove si vive, e è irrispettoso nei confronti degli altri cittadini. Ed è l’ennesima dimostrazione del degrado prima di tutto culturale che sta condannando il centro storico di Montegranaro. Perché se nemmeno chi ci vive (perché non credo che qualcuno sia venuto fino in corso Matteotti ad abbandonare un frigorifero da chissà dove) ha rispetto per il paese e per la sua comunità, non abbiamo davvero scampo. Ce la prendiamo con la politica, ma alla basa, chi ammazza Montegranaro sono i Montegranaresi.

 

Luca Craia