sabato 3 aprile 2021

Nel silenzio della politica montegranarese rimbomba la voce di Venanzi. No al forno di Cura Mostrapiedi.


 

Parla, Niccolò Venanzi, coordinatore di Fratelli d’Italia a Montegranaro, ed è forse l’unica voce politica che si ode in un momento di silenzio quasi assoluto, interrotto soltanto da alcune uscite imbarazzanti del PD, più che altro dei giovani del PD, in difesa strenua di uscite ancor più imbarazzanti dei propri vertici. Parla e riporta alla ribalta un tema che sembrava dimenticato, quello dell’impianto di cremazione che il Comune di Sant’Elpidio a Mare vuole costruire sotto le finestre dei Montegranaresi, a Cura Mostrapiedi. E fa bene, Venanzi, a riaprire la discussione, perché non credo che questo silenzio degli ultimi mesi abbia significato un ripensamento da parte di Terrenzi, anzi, sono certo che la cosa sia andata avanti.

Per cui ben venga questo interessamento da parte di Venanzi, che si riaffaccia alla politica montegranarese dopo qualche anno di una sorta di esilio, dopo aver cagionato la caduta prematura dell’Amministrazione Gismondi e, di conseguenza, propiziato l’avvento dell’era Mancini,  e per ben due volte, oltretutto, creato o partecipato alla creazione di liste di disturbo che di fatto hanno aiutato il PD a vincere due elezioni di fila. Il nuovo Venanzi, invece, sembra aver fatto pace con la sua vecchia parte politica, tanto che pare certa una sua partecipazione alle prossime elezioni nelle fila di un centro-destra riunificato; e a dimostrarlo c’è questo suo opportuno interessamento a una vicenda che già ha visto l’impegno diretto del deputato montegranarese Mauro Lucentini.

Venanzi sembra anche ben introdotto nel suo partito a livello territoriale, tanto che la sua candidatura alle prossime elezioni è già stata perorata con forza dalle segreterie provinciali e regionali di FdI. Sarebbe quindi bene che facesse pressione presso i suoi referenti per condurre la battaglia contro il forno di Cura Mostrapiedi anche e soprattutto a livello regionale e nazionale.

 

Luca Craia