sabato 24 aprile 2021

Meraviglie dimenticate di Montegranaro. La Circoncisione di Gesù.


 

A Montegranaro conserviamo una tela di grandissima importanza. Rappresenta la circoncisione di Gesù. La tela era conservata, in realtà molto male, all’interno dell’ecclesia di Sant’Ugo. Quando nel 2010, in qualità di presidente fondatore dell’associazione Città Vecchia, organizzai per la prima volta la riapertura dell’antica chiesa, entrandovi dopo anni trovai la tela a terra, sporca e a rischio di essere danneggiata in maniera irreparabile. Dopo essere stata per qualche anno sulla parete destra di Sant’Ugo, dopo il recupero e l’apertura della chiesa superiore, SS.Filippo e Giacomo, la tela è stata collocata lungo la navata del tempio settecentesco, in prossimità della cantoria.

La Circoncisione di Gesù è un’opera molto importante perché è riferibile alla scuola del Barocci, col sospetto che lo stesso grande pittore urbinate, forse il più grande manierista italiano, vi abba messo personalmente mano. In effetti il volto della Madonna assume connotazioni stilistiche talmente precise e riferibili a Federico Barocci da lasciar pensare senza commettere peccati a un suo intervento diretto. In ogni caso, la tela è storicamente importantissima e interessantissima.

Lo stato di conservazione è accettabile: non vi sono danni importanti ai pigmenti e solo qualche piccolo cedimento della tela. Necessiterebbe di una cornice consona e di una ripulitura approfondita, nonché del tiraggio della tela stessa su un nuovo telaio. Niente di trascendentale. Ma può restare anche com’è. Sicuramente è uno dei tesori montegranaresi che possono fungere da volano per il turismo. Ma, come sempre dico, serve un progetto.

 

Luca Craia