mercoledì 17 marzo 2021

Movimento 5 Stelle Marche: “Emergenza COVID, unità per rilanciare la sanità territoriale”

 

Comunicato integrale

 

Nella seduta del Consiglio Regionale dedicata al coronavirus, Marta Ruggeri e Simona Lupini nel ruolo di pontiere: al centro, gli investimenti sulla sanità territoriale e comunicazione trasparente sui vaccini.

Doveva essere il luogo in cui rispondere alle gravi sfide che il COVID sta ponendo alla nostra Regione, ma il Consiglio Regionale tematico di ieri, martedì 16 marzo, con quasi 12 ore di discussione, si è risolto in un muro contro muro.

Le consigliere regionali del Movimento 5 Stelle Marta Ruggeri e Simona Lupini: hanno cercato di fare da pontiere “Per come siamo abituate a fare politica, bandierine e posizioni ideologiche non possono prevalere sul buon senso: entrambe le risoluzioni, nel loro dispositivo,avevano proposte concrete e utili. Perchè andare al muro contro muro? Siamo in emergenza, dovremmo essere tutte e tutti uniti”.

Troppo focalizzata sull’attaccare la Giunta, e in particolare l’assessore Saltamartini, la risoluzione PD; troppo autocelebrativa quella del centrodestra: fino all’ultimo, le due consigliere hanno lavorato a una mediazione, che potesse far emergere una risoluzione unitaria del Consiglio.

La maggioranza ha aperto alle proposte provenienti dall’opposizione: nella sua replica, il Presidente Acquaroli si è detto d’accordo su un coordinamento per la gestione dell’emergenza, chiesto dal PD, e apertura c’è stata anche sulla mozione di Simona Lupini per una comunicazione istituzionale sui vaccini più forte.

Il Movimento 5 Stelle si è quindi astenuto sulla risoluzione del PD, considerando la sua sostanza accolta dalla maggioranza, e ha votato a favore della risoluzione del centrodestra, che conteneva un deciso impegno a favore della sanità territoriale.

Non ci rassegniamo allo scontro frontale. La maggioranza ha capito di dover condividere le scelte sulla pandemia, accettando l’idea di una cabina di regia, e riconoscendo la necessità di una migliore comunicazione sui vaccini. E presteremo grande attenzione a come verrà implementata la promessa di riutilizzare gli ex ospedali, è un’occasione importante. I cittadini delle Marche meritano una risposta forte e unita, non altra angoscia e confusione.” commenta la consigliera regionale Simona Lupini.

Abbiamo dati allarmanti, abbiamo un’occupazione dei posti letto COVID pari al 57% per la terapia intensiva e al 61%  per i posti letti ordinari. Le Marche hanno troppo pochi posti letto: l’applicazione estremamente rigida del famoso decreto ministeriale 70 da parte della Giunta Ceriscioli ha indebolito troppo la sanità territoriale. Un grosso errore: finora la nuova Giunta si è detta d’accordo con noi sulla necessità di porre rimedio, dopo il voto di ieri è ora di passare dalle parole ai fatti” è l’appello conclusivo della capogruppo Marta Ruggeri.