mercoledì 31 marzo 2021

Messa in piazza a Pasqua. Un momento di spiritualità, di aggregazione e di vita per la comunità cittadina.

 

Si celebrerà in piazza Mazzini, la messa della Domenica di Pasqua, quella dell 11, quella del centro storico, quella che una volta si faceva a San Francesco e speriamo si possa tornare a farcela quanto prima. Anziché a San Serafino, dove sono spostate temporaneamente le celebrazioni della Parrocchia del SS.Salvatore, don Sandro e lo stesso Commissario Straordinario, il Viceprefetto dottor Francesco Martino hanno pensato a questa bella soluzione che non solo garantisce maggior sicurezza in periodo di pandemia per una messa che sicuramente richiamerà più fedeli del normale, ma offre un’occasione di vita del centro del paese unica e irripetibile, in un momento in cui si sente forte più che mai il bisogno di comunità.

Ovviamente gli ingressi alla piazza saranno contingentati con un numero massimo di presenti fissato a 199 persone, che dovranno essere distanziate e munite di mascherine. Gli accessi al centro storico saranno presidiati e controllati anche con termoscanner per la temperatura corporea dai volontari della Protezione Civile e dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo sotto le direttive del Comando di Polizia Municipale.

È un momento importante per la Comunità Cristiana e per quella cittadina, dicevamo, e anche per il centro storico di Montegranaro, luogo del cuore dei Montegranaresi veri e sempre più abbandonato a se stesso. Un’iniziativa, quella dell’Unità Pastorale e del Commissario, che dimostra grande sensibilità nei confronti del tema del paese antico ma anche del senso di comunità per un paese particolare come Montegranaro. Un bel momento per i cattolici, per celebrare la Santa Pasqua nel cuore del loro paese, ma anche per tutti i Montegranaresi che, almeno per un giorno, potranno vedere il centro di Montegranaro, seppur con tutte le limitazioni del caso, vivo e pulsante.  

 

Luca Craia