lunedì 15 febbraio 2021

La Sutor ritrova la strada per il successo. Piegata Teramo per 75-71, le considerazioni di coach Marco Ciarpella.


MONTEGRANARO – Un successo importante per il morale e la classifica dopo una sfida in cui i gialloblù hanno dovuto sudare le proverbiali sette camice. La Sutor ha vinto, i veregrensi hanno sconfitto la Rennova Teramo a Spicchi per 75-71 giocando un grande primo tempo e rimanendo sul pezzo anche quando le cose sono cambiate nella seconda parte della gara. La squadra nel momento di difficoltà ha stretto i denti e alla fine ha portato in porto un successo che certamente vale tanto oro quanto pesa. Le cifre emerse al termine della gara sono sostanzialmente equilibrate tra le due squadre, meglio la Sutor da due punti con il 48,6% rispetto al 46,2 degli abruzzesi. Anche da tre punti i ragazzi di Marco Ciarpella hanno tirato meglio degli avversari, 36,8% contro il 34,8% e altro dato da non sottovalutare i punti arrivati dalla lunetta con la percentuale ancora favorevole ai gialloblù che dalla linea della carità hanno avuto un 69,2% rispetto al 61,1% di Teramo. La Rennova ha vinto il duello a rimbalzo controllando sotto le plance 38 palloni contro i 33 della Sutor che però ha avuto meno palle perse rispetto ai biancorossi, 15 contro 21.

.

Riassumendo, questi sono stati i numeri della sfida, poi in campo ci sono state anche tante altre cose che il coach Marco Ciarpella ha voluto riassumere in questo modo.

Coach, contento e soddisfatto di come si è espressa la sua squadra?

“Sì perché questa con Teramo era per noi una partita molto importante. Quella andata in scena è stata una gara dai due volti dove abbiamo mosso bene la palla nel primo tempo, attaccato con fiducia segnando anche 43 punti. Il secondo tempo è stato l’opposto, la sfida si è imbruttita e con i contatti e la fisicità della gara, era normale che Teramo provasse a rigirarla. Noi se non fosse stato per qualche tiro libero e qualche palla persa nel finale, l’avremmo potuta vincere in maniera diversa. Ad un minuto dalla fine c’era ancora, forse, la possibilità di giocare per la differenza canestri e per provare a fare quello abbiamo rischiato di fare la frittata e perdere anche la partita. Ho visto qualche passettino indietro a livello di ardore agonistico e di intensità rispetto ad altre partite, però sono soddisfatto e ora torneremo in palestra pronti a preparare il prossimo match”.

A proposito della differenza canestri, quella penetrazione di Gallizzi sul più sette a 48” dalla fine era un gioco che avevate programmato dalla panchina?

“Sì, in quel momento sarebbe stata dura produrre un 6-0 di parziale per rimettere a posto la differenza canestri, però valeva la pena provarci. Gallizzi ha visto una linea di penetrazione aperta, ha subito sicuramente un contatto e nel capovolgimento di fronte abbiamo subito la tripla di Rossi che ha tenuto Teramo a stretto contatto nel punteggio”.

Come giudica il finale di gara dopo il dominio nel primo tempo?

“Inaspettato perché siamo stati sempre avanti nel punteggio e sarebbe stato davvero un grosso peccato gettare alle ortiche questa partita”.

Avete un po' subito il far west del terzo periodo?

“Sicuramente siamo una squadra che in tutte le partite, quando si alza il livello fisico o la gara si incanala verso dei contatti proibiti, dimostra di essere ancora inesperta. Teramo sotto questo aspetto era più pronta e probabilmente per loro era anche un modo di riattivarsi per riaprire la sfida. Noi l’abbiamo subito però nel secondo tempo la squadra ha giocato con troppa paura e nel ricordo di quello che era accaduto la domenica prima ad Ancona. I ragazzi hanno fatto fatica in attacco dove sono arrivate forzature ed isolamenti, Teramo ha sfruttato anche la transizione e in pochi minuti ha realizzato sette punti che li ha rimessi in carreggiata”.

Parliamo anche del primo tempo, la squadra ha giocato seguendo il piano partita?

“Sì, però io sono pignolo e sono convinto che la Sutor ha dimostrato che può fare ancora di più. Rispetto alle altre partite il nostro impatto alla sfida è stato un po' più rigido, mi assumo le mie responsabilità perché forse ho sovraccaricato la gara nel prepararla. Era normale a livello mentale di essere più appesantiti visto che la posta in palio era molto alta, adesso avremo un’altra gara molto importante con Civitanova domenica prossima, un altro crocevia per migliorarci ancora”.

TV – Questa sera alle 20.45 Fermo TV (canale 211 del digitale terrestre) andrà in onda la sintesi della gara Sutor Basket Montegranaro – Rennova a Spicchi. 

 

 

L’Ufficio Stampa

Sutor Basket Montegranaro