martedì 2 febbraio 2021

A Montegranaro si assegnano nuove case popolari. L’impegno di rifare il regolamento non è stato rispettato.

 


Sono 63 le domande pervenute in Comune per l’assegnazione di alloggi popolari, a Montegranaro. È quindi il momento di procedere, e lo si fa incaricando una ditta specializzata di redigere la graduatoria degli aventi diritto. E gli aventi diritto saranno stabiliti sulla base del vecchio regolamento, un regolamento che, come abbiamo più volte detto su queste pagine, attribuisce un enorme vantaggio ai cittadini di origine straniera a danno degli Italiani. A dimostrazione di quanto affermo, oltre che il regolamento stesso, c’è il dato di fatto che la stragrande maggioranza degli alloggi attualmente è occupata da stranieri.

Nella seduta del 28 febbraio 2018, esattamente 3 anni fa, il Consiglio Comunale di Montegranaro approvava la mozione dell’allora Presidente, Walter Antonelli, che impegnava il Consiglio stesso a redigere un nuovo regolamento applicando correttivi specifici per riportare i criteri di assegnazione a un regime più equo e meno sbilanciato. Ma gli alloggi verranno assegnati coi vecchi criteri, quindi, presumibilmente, per la maggior parte a cittadini di origine straniera.

È un danno enorme, prima di tutto nei confronti degli Italiani che in questo momento in particolare stanno soffrendo le conseguenze di una crisi epocale e si vedranno ancora una volta sorpassare in graduatoria da stranieri che magari hanno capitali in patria ma in Italia beneficiano di tutti i sussidi che la legge mette a loro disposizione, senza considerare la fedina penale. Ma è un danno anche per gli stranieri stessi che in questo modo vengono ulteriormente ghettizzati, creando delle sacche etniche refrattarie a ogni forma di integrazione reale. Infine è un danno sociale per il paese, col degrado che troppo spesso tocca registrare nelle aree dove insistono questi tipi di alloggio.

Un impegno totalmente disatteso da parte della Giunta Mancini che votò la mozione obtorto collo, evidentemente avendo l’intenzione di lasciare il tutto lettera morta. Ed eccoci qua a fare i conti con un ulteriore danno fatto a Montegranaro da questa Amministrazione che si è rivelata davvero pessima per il paese e il suo tessuto sociale.

 

Luca Craia