giovedì 10 dicembre 2020

Fratelli d'Italia: No alla Bolkestein, servono certezze per i concessionari di spiaggia.

 


Comunicato integrale


In un momento in cui il morale di molti imprenditori del settore turistico-balneare è a terra per le difficili condizioni nelle quali hanno dovuto svolgere le loro attività, le notizie che arrivano da Bruxelles sono quanto di più inopportuno si potesse immaginare.

Gli aridi annunci che giungono dalla Commissione europea riguardo la messa in mora del Governo italiano relativamente agli effetti della famigerata legge Bolkestein, sono un attentato alle più elementari regole del buonsenso e offendono non tanto una categoria di imprenditori, bensì l’intera economia italiana.

Per questo nell'odierno Consiglio Regionale è stata approvata all'unanimità una risoluzione per la salvaguardia di un comparto essenziale per il turismo marchigiano e per l'occupazione che garantisce ogni anno. 

Il Governo centrale - prosegue la nota di Fratelli d'Italia - ponga in essere ogni iniziativa utile a far sentire la propria voce, troppo spesso dimostratasi flebile in verità, ai burocrati europei che con le loro illogiche risoluzioni rischiano di produrre effetti devastanti su tutto l’indotto che, specie nella nostra Regione, vede nel Turismo una delle voci principali.

Il Gruppo regionale di Fratelli d’Italia, che a tutti i livelli è sempre stato al fianco dei concessionari di spiaggia e delle loro famiglie, continuerà a battersi per salvaguardare le imprese che operano nel settore richiamando il Governo a mantenere gli impegni assunti e proponendo misure forti per dare certezze.

 

Fratelli d'Italia

Gruppo Consiliare Marche