martedì 15 settembre 2020

Lufo atterra a Santa Croce con un’esposizione bestiale. Botanica apre venerdì con Papetti.

Ci sono quei talenti naturali che li vedi già da piccoli; talenti poi coltivati, accresciuti con conoscenza e pratica, che alla fine diventano davvero grandi. Lufo è un artista geniale, eclettico, sogna coi piedi per terra, vola in universi paralleli e va in picchiata nel nostro, spazia tra musica e figure, crea playlist illustrate, salta tra storia e fantasia con disinvoltura e maestria. Ma, soprattutto, Luca Longi che, quando disegna si trasforma in Lufo, è un artista di grande sensibilità, evidentissima in ogni suo lavoro.

Il giovane e talentuoso artista nostrano (Elpidiense, anzi, per essere precisi, di Casette d’Ete) farà omaggio alla sua terra di una bella esposizione di alcuni suoi lavori a tema, intitolata “Botanica”. “È  progetto in cui si intrecciano temi naturalistici, sociali, bestiali e surreali in una manciata di disegni in bianco e nero” dice Luca. A presentarla ci sarà il noto storico dell’arte Stefano Papetti, venerdì sera, il 18 settembre, alle 21.00, presso la Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti, a Casette d’Ete. L’esposizione, curata dall’Associazione Santa Croce, durerà fino a lunedì 21 settembre e sarà visitabile dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

 

Luca Craia