martedì 12 dicembre 2017

Montegranaro: via Castelfidardo è guarita! Anzi no.



Alcune persone, oggi, mi hanno segnalato il fatto che l’imbocco di via Castelfidardo, a Montegranaro, partendo da corso Matteotti, non era più sbarrato dalle transenne come avrebbe dovuto essere. Si ricorderà che, proprio ieri, il Sindaco, Ediana Mancini, aveva emesso un’ordinanza per far chiudere la via al traffico veicolare e pedonale perché, circa a metà della strada del centro storico, un vecchio edificio rischia di crollare ed esiste un reale pericolo (leggi l’articolo). Quindi erano state apposte le apposite sbarre per impedire il passaggio, ma oggi quelle sbarre sono sparite.
In realtà sono state solo spostate ma chi passa in auto difficilmente se ne accorge. Non ci sono segnali, non ci sono le transenne, non c’è nulla che faccia presagire che poi, in mezzo alla via, non si passa più. Non si passa più dove insiste la casa pericolante, quindi chi entra rischia di rimanere incastrato.
Di questo non possiamo certo dare la colpa al Comune di Montegranaro, che ha emesso l’ordinanza e ha apposto l’opportuna segnaletica. La responsabilità risiede nell’antica usanza montegranarese di fare un po’ come cavolo ci pare. Quindi qualcuno che doveva passare ha evidentemente spostato le transenne e non le ha rimesse a posto.
La responsabilità dell’Amministrazione Comunale, semmai, risiedono nel fatto che la strada è stata chiusa per tutti, compresi i residenti, e compreso il tratto non interessato al rischio di crolli. Così i residenti, in teoria, non potrebbero andare a casa loro nemmeno a piedi. Forse era il caso di studiare una soluzione un po’ più rispettosa delle esigenze di chi in quella via ci vive. Ma forse è chiedere troppo.  

Luca Craia