martedì 17 febbraio 2015

Caro Assessore al Centro Storico ti scrivo.....



Caro Giacomo Beverati,

avendo io sollevato la questione della cartellonistica a cui leggo oggi sul Corriere Adriatico la solita sguaiata risposta (alla quale dovrei essere ormai abituato essendo questo, a quanto pare, lo stile di questa amministrazione) vorrei precisare alcune cose circa le tue affermazioni:
1)      nessuno ha mai dato la colpa a questa amministrazione del fatto che i cartelli siano sbagliati. Ho solo affermato che sono sbagliati. Invece di mettersi immediatamente sulla difensiva (cosa che denuncia un certo nervosismo, a che dovuto possiamo solo immaginarlo) basterebbe prenderne atto e provvedere. Lo segnalo da anni, lo avevo già segnalato all’amministrazione Gismondi ma i cartelli sono ancora lì e, viste le tue risposte, immagino che ci resteranno a lungo.
2)      Datazione della Cripta di Sant’Ugo: il Chronicon Farfense parla in maniera molto chiara di tre chiese in Montegranaro, una delle quali era SS.Filippo è Giacomo, l’attuale Sant’Ugo. Il documento farfense risale all’anno 829, parecchio antecedente alla data indicata da te. Del resto se il Beato Ugo, morto nel 1270, avesse davvero risieduto a Montegranaro immediatamente prima della sua morte, secondo la tua ricostruzione, avrebbe forse fatto il muratore proprio per edificare la chiesa a lui in seguito dedicata. Ora et labora. Ma, dato che Ugo risedette (secondo le fonti, per quanto poco attendibili) nel monastero silvestrino di Montegranaro, è pensabile che la chiesa ci fosse già almeno, appunto, dall’829. Da qui è evidente che la scritta XIII secolo del cartello è errata. Invece di arrabbiarti cambia il cartello, fai più bella figura.
3)      Non so a quale pieve del SS.Salvatore tu ti riferisca. Quella a cui mi riferisco io non è più officiata semplicemente perché è murata (almeno la parte che abbiamo rinvenuto noi). Certamente il resto della chiesa è riferibile all’attuale teatrino della pievania nel quale non si può officiare perché non è una chiesa. Certamente, però, non è uno dei monumenti più insigni della città a meno che tu non abbia una strana misura del valore dei monumenti. La Pieve (la porzione, per la precisione) a cui ci riferiamo è accessibile tramite uno stretto cunicolo e penso che quando ci siamo entrati noi siamo stati i primi da secoli. Attendo smentite. Da quello che leggo, però, mi pare evidente che tu non sai di cosa stiamo parlando. Ti suggerirei di documentarti prima di inalberarti.

Vedi Giacomo, il problema è sempre quello: non siete capaci (uso il plurale perché mi pare che sia vizio comune nella vostra amministrazione) di prendere con la dovuta eleganza le critiche. Io, caro Architetto, non sono affatto un “illustre esperto” come dici sarcasticamente tu (anche se mi avvalgo di due archeologi, un restauratore, un geologo e un ingegnere che sono attivi nella mia associazione) ma solo un appassionato che si dedica a queste cose da anni, talvolta sbagliando, talvolta prendendoci. Essendo tu in possesso dei miei numeri personali, come hai fatto più e più volte avresti potuto anche in questo caso chiamarmi e chiarire, evitandoti questa brutta figura.
Quando vuoi visitare la Pieve dimmelo, ti accompagno volentieri. Ma sii cortese, non ridicolizzare il lavoro fatto seriamente da tuoi concittadini, alcuni anche tuoi elettori, solo per una comparsata sul giornale o per una ripicca infantile. Non è da politici navigati con esperienze quasi trentennali come sei tu.
Con affetto

Luca

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.