domenica 21 novembre 2021

Ultimato il restauro della Pietà di SS.Filippo e Giacomo.

 

Con vera emozione questo pomeriggio ho riportato a casa sua la Pietà di SS.Filippo e Giacomo, dopo avere effettuato un trattamento di consolidamento della pietra arenaria su cui l'antica scultura è scolpita. Il restauro, che ho operato sotto la guida del maestro Marco Salusti, era necessario per fermare il processo di degrado della pietra a causa del suo impregnamento dovuto a un lungo sgocciolio d'acqua subito negli anni, che ha causato la compromissione totale della superficie policroma dell'opera e la successiva parziale erosione. Con questo trattamento dovremmo essere riusciti a bloccare il deterioramento del materiale, ma lo sapremo solo col tempo. Intanto, però, la Vesperbild è rientrata nella chiesa priorale dove sarà uno dei pezzi forti del museo che stiamo allestendo. La scultura è preziosissima, anche se gravemente danneggiata, essendo databile al XV secolo.


Altri pezzi si stanno aggiungendo, come una bellissima Madonna Addolorata, scultura in legno e cartapesta databile tra la fine dell'800 e l'inizio del '900. La scultura è in discrete condizioni anche se diversi frammenti si sono staccati e vanno ricomposti, così come è da verificare lo stato della verniciatura dopo un'attenta pulizia.


Altro pezzo che ho ritrovato è curioso e particolare: si tratta di una troccola, strumento sacro anticamente usato durante la processione del Venerdì Santo per simulare il frastuono prodotto dagli eventi meteorologici susseguenti la morte di Gesù e lo squarciarsi del velo del tempio.

Il museo procede lentamente anche per via del cattivo stato conservativo di tante opere che ne faranno parte,  ma sta prendendo forma e sono certo che i Montegranaresi è i visitatori lo apprezzeranno molto.


Luca Craia