venerdì 2 aprile 2021

Quando la stupidità diventa pericolosa.

 


Non ne volevo nemmeno parlare, solo per non dare visibilità a una botta di stupidità assoluta e purissima come questa, ma già è finita su qualche notiziario e allora due parole ce le spendo pure io, anche per cercare di smorzarne gli effetti potenzialmente pericolosi. Io non so cosa possa passare nella mente, se di mente possiamo parlare, di uno che concepisce uno scherzo dl genere. Forse cerca, appunto, visibilità, forse vuole fare una specie di esperimento in un mondo di virologi con la terza media e di avvocati con la laurea dell’università della strada (come a tanti piace scrivere sul proprio profilo social), fatto sta che ieri, primo aprile, qualcuno ha pensato bene di far circolare su Facebook una finta lettera di una presunta ASUR Marche che comunicava una specie di arresti domiciliari per le persone con più di 75 anni.

Che fosse una cretinata lo si capiva a prima vista: la lettera prima di tutto è sgrammaticata, scritta davvero male, e si presuppone che, fosse stata originale, almeno sarebbe stata scritta in italiano. Poi ci sono diversi dettagli che la rendono immediatamente identificabile come bufala. Ma non è una bufala innocua, attenzione. Questo atto di purissima e sublime stupidità ha allarmato gente già stressata, ha spaventato anziani già ansiosi e sottoposti a grande pressione e preoccupazione, ha innescato un allarme le cui conseguenze avrebbero potuto essere anche gravi. Ma l’autore non credo se ne sia reso conto, visto che un atto di così pura stupidità non può provenire da una mente che pensi più di tanto.

Ora questa perla è stata rimossa, almeno così dicono. Mi auguro che chi si è spaventato ora sia più tranquillo e abbia capito che si trattava solo del parto di una povera mente e, soprattutto, spero non ci siano stati danni seri. Mi dispiace e fa rabbia che questa cosa pare sia partita proprio dal mio paese, anche se non so e non voglio sapere chi ne sia l’autore. Mi dispiace e mi fa rabbia perché a Montegranaro una volta eravamo imbattibili per creatività e inventiva di altri tipi, non certo per queste cose vergognose. Spero che almeno parta una denuncia per procurato allarme.

 

Luca Craia