giovedì 15 aprile 2021

A cosa serve l’autovelox? A educare i cittadini o a togliere loro i soldi?

 

L’autovelox è uno strumento e, come tale, non è né bene né male, dipende da come lo si usa. È una cosa inerte, il suo fare bene o fare male è subordinato alla volontà di chi lo adopera. L’autovelox può essere una cosa molto buona, perché può aiutare a disciplinare situazioni altrimenti difficili da tenere sotto controllo. Oppure può essere male, se adoperato per fare cassa tendendo delle trappole, o qualcosa che somiglia molto a una trappola, ai cittadini.

Un autovelox posto in una strada urbana dove le macchine sfrecciano a 70 o 80 chilometri all’ora è una cosa molto buona, perché serve a riportare la sicurezza in quella strada e a educare i cittadini al rispetto di norme e prossimo. Un autovelox posto fuori dall’abitato, anche se sulla carta ancora è zona urbana, sembra proprio una cosa brutta, una cosa fatta per fare cassa. Fare cassa con le tasche dei cittadini è una cosa brutta, specie in un momento come questo in cui i cittadini di soldi in tasca ne hanno ben pochi e meno ne avranno nel prossimo futuro.

A Montegranaro hanno pensato di prendere in affitto un autovelox e farlo gestire dalla Polizia Municipale. È una cosa buona, perché a Montegranaro la gente è indisciplinata. Ci sono strade urbane in cui le macchine vanno a velocità da gran premio, mettendo a rischio la vita dei cittadini. L’autovelox può contribuire a riportare la situazione alla normalità e a ristabilire la sicurezza. Ma l’autovelox, a Montegranaro, viene utilizzato largamente in strade extraurbane, strade in cui, se uno va a 70 kmh anziché a 60 non crea un danno così evidente. In strade urbane, invece, come viale Zaccagnini, per fare un esempio, dove le macchine vanno a velocità inaccettabili, non si è mai visto.

Ci sono cittadini che hanno ricevuto multe per aver percorso strade extraurbane a una velocità di poco superiore al limite. Intanto c’è chi fa le prove del GP di Montecarlo lungo via Elpidiense Nord. Sarebbe bello vedere l’autovelox nelle strade urbane, per educare i maleducati e far sentire più sicuri pedoni e automobilisti più attenti. Sarebbe bello che i cittadini di Montegranaro vedessero l’autovelox come un mezzo buono, che serve a stare meglio tutti. È brutto, invece, quando lo vedono come una cosa diabolica, inventata per portarti via i pochi soldi che hai. Non è il momento per portare via i soldi ai cittadini. Il momento per educare i maleducati, invece, è sempre.

Dimenticavo: una percentuale delle multe elevate serve a pagare il fondo pensione degli agenti di Polizia Municipale.  

 

Luca Craia