giovedì 25 marzo 2021

Vaccino ai giovani. Sarà regolare, ma pare uno sberleffo. Il caso del Segretario PD di Monteganaro.

 

A quanto pare il modello Toscana piace e fa proseliti. Sembra infatti che ci sia un modo, che però non è noto a tutti, a quanto pare, per farsi il vaccino anche se non si hanno ottant’anni. Non è noto a tutti, dicevo, altrimenti ci sarebbero file interminabili per farsi i vaccini e invece ci sono solo gli anziani. Ciononostante qualcuno sa come si fa e non esita a farlo, anche se ci sono persone che aspettano il loro turno diligentemente e se lo sono visto pure spostare a causa del noto problema con l’AstraZeneca. E quando questo qualcuno è molto giovane, ricopre incarichi istituzionali e addirittura siede nelle segreterie dei partiti, come il Segretario della sezione PD di Montegranaro, ex Presidente del Consiglio Comunale e tesoriere di Marca Fermana, Laura Latini, la cosa non è propriamente simpatica.

Poi sarà sicuramente tutto regolare, per carità, lungi da me l’idea di adombrare dubbi che si siano utilizzate corsie preferenziali. Rimane il fatto che forse sarebbe stato opportuno attendere il proprio momento, specie quando si rivestono certi ruoli e, se proprio non fosse stato possibile, magari non farsene un vanto sui social, che suona un po’ come uno sberleffo per i succitati anziani che ancora aspettano perché il loro, di turno, è saltato. Questione di sensibilità, più che altro. E se la sensibilità non ce l’ha chi fa politica, la cosa non è così trascurabile.

 

Luca Craia