lunedì 14 dicembre 2020

Piccolo ragionamento sulla conferenza stampa e il video del Sindaco di Montegranaro



Alla fine se l’è presa, la responsabilità della crisi, il Sindaco di Montegranaro, Ediana Mancini. Se l’è presa immagino inconsapevolmente, come penso sia inconsapevole il danno a se stessa che si è arrecata col video diramato oggi e con la conferenza stampa di stamattina. Edi Mancini dà la nettissima impressione di non essere una persona sufficientemente serena da poter guidare un paese come Montegranaro in questo periodo così difficile, tanto da farmi pensare che la venuta di un funzionario governativo al suo posto non sia poi tutta questa iattura.

Il Sindaco di Montegranaro spiega l’accaduto con una serie di concetti autoreferenziali che fanno paura e dimostrano che quanto abbiamo sempre affermato, ossia che non ci fosse collegialità nella maggioranza, tantomeno alcun concetto di democrazia e partecipazione, era più che vero. Usa reiteratamente il vervo “dovere” all’imperativo, sempre rivolto agli altri, così che Beverati non doveva permettersi di criticare, Ubaldi doveva difendere il Sindaco, gli assessori devono riconoscere l’autorevolezza (in realtà l’autorità) del primo cittadino. Insomma: tutto è accaduto perché Beverati avrebbe commesso il reato di lesa maestà.

Anche l’accusa piuttosto pesante di aver innescato un clima “ricattatorio” dimostra la scarsa serenità del Sindaco, che non sembra avere una visione netta e precisa della situazione e rilancia una palla a campo vuoto, aspettandosi chissà cosa dagli alleati che, ormai, hanno abbandonato la partita, oltretutto senza dare loro alcuno spiraglio per poter quantomeno avere un residuo di dialogo.  Beverati è offensivo, Ubaldi è sleale, e soprattutto nessuno può osare contraddire il Sindaco che diventa, nel concetto di Ediana Mancini, una sorta di tiranno illuminato che elargisce ruoli e poteri e li toglie a suo piacimento.

Mi sarei aspettato una spiegazione più articolata, una questione più politica alla base delle motivazioni che hanno spinto la Mancini al gesto inconsulto di ritirare le deleghe di Beverati, gesto che non poteva avere esiti tanti diversi da quelli che sta avendo. E il fatto stesso che il Sindaco non se ne renda conto dimostra quanto sia impreparata e inadeguata a guidare un paese complesso come Montegranaro. Invece alla base del gesto c’è solo una serie di motivazioni personali che nulla hanno a che vedere con la politica e, soprattutto, col bene pubblico. Lo sapevamo, ma con la conferenza stampa e il successivo video, la Mancini ce ne ha dato conferma.

 

Luca Craia