venerdì 13 novembre 2020

Le Marche diventano arancioni. La decisione spiegata dal Presidente Acquaroli.


Le Marche passano dal giallo all’arancione. Nonostante nei giorni scorsi si pensasse che le cose andassero piuttosto bene, oggi arriva la comunicazione della decisione del Ministro Speranza, che il Presidente della Regione Marche spiega così:

“qualche minuto fa mi ha chiamato il ministro Speranza per anticiparmi la comunicazione ufficiale rispetto alla variazione della fascia di colore della nostra regione, che da “gialla” diventa “arancione”. Una classificazione che fino a ieri non era prevista seppur negli ultimi due giorni i numeri dei positivi erano oggettivamente cresciuti, in particolare quello dei sintomatici. Per questo stavamo studiando un’ordinanza anti-assembramento che a questo punto diventa inutile. Passando da regione “gialla” a regione “arancione” le restrizioni diventano più forti. Tra le misure principali, i bar e i ristoranti potranno lavorare solo con consegne a domicilio o d’asporto fino alle 22 e dovranno restare chiusi. È vietato spostarsi tra regioni e tra comuni se non per comprovati motivi di lavoro, di salute, di studio o necessità. Dispiace sicuramente veder ulteriormente compresse le nostre libertà e penalizzata la nostra economia, ma invito comunque a rispettare le misure previste dal Dpcm che avranno una validità di due settimane a partire da questa domenica compresa”.

ECCO COSA COSA SI PUO’FARE A PARTIRE DALLA MEZZANOTTE DI DOMENICA 14

Mobilità: Vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblico o privato in un comune diverso da quello di residenza, salvo per comprovate esigenze lavorative, di studio, salute o per usufruire dei servizi non disponibili in tale comune. È necessario però essere forniti di l’autocertificazione. Il modulo va compilato con le generalità e il motivo dello spostamento e consegnato in caso di controllo. Se si tratta di un’urgenza non si deve indicare il nominativo delle persona da cui si va per motivi di privacy. È possibile andare in una Regione in fascia gialla attraversando una Regione in fascia arancione. “Il transito sui territori è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti”. È sempre consentito “il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.

Attività commerciali: Bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie resteranno chiusi sempre. Sarà possibile l’asporto ma solo fino alle 22 per rispettare il coprifuoco. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione ad esclusione delle mense e del catering continuativo. È sempre possibile ordinare cibo o bevande a domicilio. È possibile comprare cibo da asporto fino alle 22 con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. “Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro”. Restano aperti parrucchieri e centri estetici.

Trasporti, scuola e musei: Nelle zone arancioni valgono tutte le misure previste nelle zone gialle

Sport: È possibile fare attività motoria e sportiva, purché all’interno del proprio comune e all’aperto. Palestre, piscine e centri sportivi sono chiusi.

 

Luca Craia