martedì 19 aprile 2016

Lu Voccentò e la salma del Consorzio di bonifica



Lu Voccentò mi manda questo formulario che dedica a tutti i proprietari di immobili rientranti nel bacino di utenza della nuova creazione (ma Lu Voccentò la chiama riesumazione) della Regione Marche, il Consorzio di Bonifica. Praticamente un nuovo balzello a carico del suddito contribuente. Se vi piace, scaricatelo e speditelo al Consorzio.

Luca Craia

----------------------------------------------

Nome cognome e indirizzo

Spett.le
CONSORSIO DI BONIFICA DELLE MARCHE
Pesaro
Oggetto: sollecito pagamento

Non esprimo il mio giudizio circa la riesumazione di enti inutili morti per 14 anni e riesumati dalla regione marche cambiandogli il nome. Nel sollecito di pagamento notificatomi non c'è rispondenza tra il calcolo da voi indicato e quanto invece richiesto. Sembra che la differenza sia data da un fisso non indicato nei documenti e quindi probabilmente non dovuto. Tanto più che questa quota non sembra rispondere ai principi di equità e proporzionalità costituzionalmente garantiti, né tanto meno rispondere al R.D. n.215 del 13/02/1933 Nel Vs sito sono indicati gli organi di questo ente. Nessuno mi ha mai chiesto né di candidarmi e tanto meno di esprimere un voto su chi mi dovrebbe rappresentare, mi è stato chiesto solo di pagare. Praticamente più che un cittadino mi sento un suddito.
L'articolo 860 del codice civile prevede che “ i proprietari dei beni situati entro il perimetro del comprensorio sono obbligati a contribuire nella spesa necessaria per l'esecuzione , la manutenzione e l'esercizio delle opere in ragione del beneficio che traggono dalla bonifica.” quindi per poter applicare il contributo è necessario che il proprietario ne tragga un beneficio, che non ha ricevuto e che deve essere dimostrato dal Consorzio. Voglio richiamare alcune delle diverse sentenze della cassazione a tale proposito (esempio sentenza 7511/93 prima sez.civ.; Cass.s.u. n.8960 del 14/10/1996) vorrei pertanto conoscere quali sono i vantaggi diretti che il mio immobile trae dall'attività del consorzio.

Il suddito