sabato 2 settembre 2017

La rabbia di Pazzaglini e Sensi. Il cervello dichiara guerra al mignoletto



Sono tutti organi dello Stato: i Comuni, le Regioni, il Governo. Sono tutti parte dello stesso apparato, dello stesso organismo. Sono membra dello stesso corpo. Leggere, tra le righe ma neanche tanto, la rabbia del Sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini, e del Consigliere Filippo Sensi, nel constatare l’ennesima, peraltro annunciata e per niente inaspettata, presa per i fondelli, è come rileggersi la vecchia favola di Agrippa. È come se la mente avesse dichiarato guerra al dito mignolo, ove il dito mignolo siano i piccoli comuni terremotati.
La constatazione che le casette, le SAE, non arriveranno nemmeno per il prossimo inverno non sorprende nessuno. Anzi, verrebbe da dire: “te l’avevo detto”, se non fosse che anche Pazzaglini e Sensi, secondo me, erano perfettamente coscienti di questo ma, per il loro stesso ruolo istituzionale, hanno dovuto mantenere accesa la speranza finchè è stato possibile. Ora non si può più.
Un altro inverno infernale per i Vissani. È una cosa che dovrebbe smuovere qualche coscienza ad Ancona. è una cosa che dovrebbe far partire qualche analisi seria sul proprio operato ai nostri amministratori regionali. È una cosa che li dovrebbe far vergognare, almeno un po’. Era già uno scandalo quanto accaduto l’anno scorso, avrebbe dovuto mettere una fretta del diavolo, a chi preme i bottoni della ricostruzione, il ricordo della neve, della gente al freddo, delle bestie morte assiderate. Invece non si è fatto nulla, solo un rimpallo di carte, progetti, timbri, fino a che si arriva alle porte del secondo inverno dopo il terremoto e siamo punto e a capo.
In un Paese normale certi governanti avrebbero già cambiato mestiere. In un Paese normale i cittadini lo avrebbero preteso. In un Paese normale i cittadini avrebbero imposto un cambio di direzione, tutti i cittadini, non solo quelli che passeranno un altro inverno al gelo. Il nostro, evidentemente, non è un Paese normale.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.