venerdì 1 dicembre 2017

Quillo traliccio vrutto e ‘rrugginito



Ripubblico ancora una volta questi versi zoppicanti e malmessi che buttai giù in un momento di sconforto nel 2010. Li ripubblico perché sono ancora perfettamente attuali. Perché i problemi, se non li risolvi, non si risolvono da soli.
Luca Craia

Se mai te capitesse na matina
de svegliatte co l’idea dentro la testa
de fa na caminata mattutina
sotto la piazza do non se fa festa,
te rtroeristi dentro a un paesetto
co quattro strade strette rrampicate.
Le case, tante vecchie e diroccate
e qualche d’una pure senza tetto.
A caminà pe una strada scura
te ve pensato: “ce vole li stivali”;
specie se sotto na brutta impalcatura
te vai a nfilà passenne tra li pali.
Arzi la testa e vedi tavoloni
de legno fraceto che pare vo cascà
che sta tenuti co fili e du bulloni
e al Padreterno te vai a raccomannà.
Perché là sopre, oltre a li piccioni,
ci sta de tutto, tegole e mattoni,
che un jorno o n’andro, se tira un po’ de vento,
se te va bene de piji no spavento.
Senti un rumò venì da lo traliccio:
ncassi la testa e collo spiccio spiccio,
che se ogghi e jornara fortunata
quella che casca è solo na cacata.