lunedì 11 settembre 2017

Rotatoria salvavite a Villa San Filippo in tempi record. Ma sulla mezzina non si fa nulla. Province a confronto.



Dopo il ripetersi di gravi incidenti allo svincolo della superstrada Civitanova Foligno di Morrovalle-Monte San Giusto, la Provincia di Macerata, accogliendo tempestivamente le numerose istanze di intervento e anche seguendo semplicemente buon senso e logica, ha approntato una rotatoria che eviti l’attraversamento a raso della provinciale che i fatti hanno dimostrato essere troppo pericoloso. Al momento la rotatoria è provvisoria e sperimentale, fatta con strutture plastiche amovibili, ma verrà costruita presto una serie di spartitraffico fissi. Il costo dell’opera pare sia di soli 130.000 Euro.
Quello che sorprende chi, dalla provincia confinante di Fermo, da tempo chiede che si effettui un analogo intervento sulla Mezzina, all’altezza dell’intersezione con la provinciale Elpidiense dove si è assistito negli anni a tanti, troppi incidenti anche mortali, è che qui, invece, costruire una rotatoria che potrebbe salvare molte vite sembra una cosa di una difficoltà sovrumana con dei costi spropositati. Si parlava, con Perugini Presidente, di spendere circa 400.000 Euro per una struttura di questo tipo.
La domanda che molti, non solo io, si pongono è come mai a Villa San Filippo una rotatoria costa 130.000 Euro e a Sant’Elpidio a Mare 400.000. Magari ci sarà da fare qualche lavoro di sbancamento, ma i costi più che triplicati non si capiscono. Ma, soprattutto, stupisce l’atteggiamento della Provincia di Fermo che ancora non decide nulla, al contrario di quella maceratese che, in quattro e quattr’otto, è intervenuta per sanare una situazione pericolosa. A Fermo è tutto più complicato.

Luca Craia