venerdì 16 dicembre 2016

Marciapiedone di viale Gramsci. Pubblicato l’atto preliminare per l’appalto.


                                                                                                                                       
Pareva quasi un fantasma, il progetto di rifacimento di viale Gramsci a Montegranaro. Un progetto che, un anno fa, veniva dato per approvato, poi diventava modificabile, poi tornava definitivo e poi veniva modificato sulla base dei suggerimenti dei commercianti. Oggi come sia e in che consista il progetto lo sa si è nò chi l’ha fatto, visto che, in definitiva, non è mai stato reso pubblico nella sua stesura che si presume finale, ma credo che si sia giunti davvero al punto definitivo. Infatti è stato pubblicato l’atto che fa da preambolo alla gara di appalto per l’affidamento dei lavori, un documento che si chiama “AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A PARTECIPARE ALLA PROCEDURA DI AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI SISTEMAZIONE AREA VIALE GRAMSCI, LARGO CONTI E PIAZZA MAZZINI” che non è altro che un’indagine su chi voglia partecipare alla gara che verrà.
Il valore dell’opera e, quindi, dell’appalto è di 373.311 Euro a cui, aggiungendo l’IVA, si arriva alla bella cifra di 450.000 Euro di cui si è sempre parlato. Una cifra ragguardevole, per i tempi che corrono. Una cifra che, a molti, sembra inopportuno spendere su un opera tutto sommato voluttuaria, viste le tante problematiche che investono Montegranaro. Ma la Giunta Mancini ha così deciso di lasciare il proprio marchio pressochè indelebile sul paese che amministrano, a imperitura memoria di questo periodo storico, e così sarà, con buona pace di chiese lesionate dal terremoto, palazzi pubblici lesionati dal terremoto, scuole ad alto rischio sismico e un centro storico dimenticato e da dimenticare. Certamente quest’opera ci ricorderà, negli anni a venire, chi l’ha fatta e cosa non ha fatto.
                            
Luca Craia