domenica 8 marzo 2015

Il bell’associazionismo



foto di Graziano Morlacco

Oggi c’è stato un pranzo al quale, per altri impegni, non ho potuto partecipare. È stato un peccato perché era l’incontro conviviale delle associazioni montegranaresi che hanno dato vita a quella prova di insieme grandiosa che è stata il presepe vivente e, quindi, era l’occasione per passare un po’ di tempo spensierato insieme che non comportasse fatica e decisioni. Dalle foto pubblicate dagli amici su Facebook vedo che è andata molto bene e me ne compiaccio. Sono momenti importanti, che fanno rivivere quel senso di comunità che, purtroppo, a Montegranaro manca da anni.
Credo che la strada da seguire sia questa. A Montegranaro abbiamo una grande ricchezza data dal gran numero di associazioni attive e produttive che tanto fanno per il paese sopperendo molto spesso alle carenze del pubblico. C’è gente che ha idee, inventiva e voglia di fare. C’è gente che si spende senza chiedere nulla in cambio se non il riconoscimento del lavoro svolto. C’è gente che si inventa iniziative, che usa la propria creatività a favore della collettività e se magari questi prodotti poi vengono cavalcati da altri, alla fine, poco importa. L’importante è il risultato. E il risultato si comincia a vedere, al di là dei parassiti che ne approfittano e della politica che da un lato rema contro e dall’altro se ne bea.
È questa la direzione: ogni realtà associativa deve mantenere la sua identità, la sua autonomia decisionale, la sua personalità. Quando serve tutto questo si condivide con gli altri per creare qualcosa di più grande, senza, però perdere la propria identità. Questo ci ha insegnato l’esperienza del presepio. Questo deve essere la rocca da difendere.
Nessuno deve strumentalizzare in alcun modo questa esperienza. Coordinamenti imposti e superorganizzazioni pilotate non devono avere terreno fertile. Le associazioni di Montegranaro sanno benissimo come muoversi insieme dietro a un progetto comune e nessuno può spiegare loro cosa fare e come fare. Lo stiamo già testando col cinema di speranza promosso da Extravillage al quale  collaborano diversi sodalizi. Non si deve pensare a un calderone delle associazioni. Le associazioni si uniscono intorno a progetti condivisi e poi, ognuna, torna nel proprio ambito. Pensare diversamente è perdente. Non lo fate.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.