giovedì 22 febbraio 2018

Il vicepresidente della CCIAA di Pesaro: speriamo che nel 2018 si parli meno di sisma



È meravigliosamente esplicativa la dichiarazione di Amerigo Varotti, vicepresidente della Camera di Commercio di Pesaro, rilasciata al TgR Marche di oggi, telegiornale che ogni giorno si rivela miniera di spunti per comprendere il meccanismo dell’asservimento della stampa al potere, specie in riferimento terremoto. Varotti, uomo che campa di incarichi politici da una vita, nel commentare alcune attestazioni rilasciate ad aziende del settore turistico, candidamente afferma che c’è da sperare che per il 2018 si parli meno di sisma, in modo che le aziende del pesarese non abbiano più a subire ripercussioni negative come quelle direttamente coinvolte.
È una dichiarazione che chiarisce più punti: il primo, è che le aziende pesaresi non hanno subito danni dal terremoto, casomai hanno subito danni dovuti a una cattiva informazione che, però, poteva essere corretta con investimenti appositi e con uno sforzo proprio della Camera di Commercio di veicolare l’informazione che a Pesaro il terremoto danni non ne ha fatti; la seconda è che la solidarietà, se mai c’è stata, cosa di cui dubito, se ne è già andata a farsi benedire. Infine un pensiero all’auspicio di Varotti: se smettiamo di parlare di sisma, in poco tempo sarà come se non fosse mai avvenuto. E già siamo sulla strada buona.

Luca Craia