mercoledì 28 febbraio 2018

Come sta andando l’emergenza neve a Montegranaro? Né bene né male. Bravi gli operatori. Il solito tifo.



La nevicata non è stata copiosa come quella del 2012 e come altre del passato, ma è stata importante ed è naturale che, in un paese come Montegranaro, scosceso per larghissima parte, con strade strette e difficili da gestire per i mezzi di sgombero neve, qualche disagio venga a crearsi. Per analizzare come sia stata gestita l’emergenza forse è presto e occorrerebbe attendere il ritorno alla normalità, ma un piccolo ragionamento si può già azzardare, quanto meno su quello fin qui avvenuto.
Che io non abbia in simpatia quest’amministrazione comunale e un dato assodato e non ne ho mai fatto mistero ma, in questo caso, se non posso lodare i nostri amministratori non li posso nemmeno accusare più di tanto. L’emergenza, fino a questo momento, è state gestita in modo da garantire quanto meno la mobilità generale, e questo è un fatto positivo. Ma la mobilità capillare non è stata minimamente gestita, tanto che ci sono intere zone del paese che non hanno visto un mezzo spargisale o uno spazzaneve. Ci sono certamente delle scusanti che derivano dal poco personale a disposizione, dalla carenza di mezzi e dal fatto che, comunque, Montegranaro non è un paese di montagna attrezzato debitamente per queste emergenze. Però si può e si deve migliorare e qui di margini di miglioramento ce ne sono molti.
Le direttrici principali sono state sempre percorribili, con le dovute cautele, e di questo va preso atto. Ma ci sono cittadini quasi imprigionati in casa che non hanno vista garantita la loro libertà alla mobilità: cito il caso eclatante di via Zoli, che ogni volta nevichi viene chiusa per non essere più gestita, mentre chi ci abita ha gli stessi diritti e le stesse necessità degli altri cittadini. Idem dicasi per il centro storico che, tolta la piazza, se l’è cavata solo con le braccia dei residenti e la consueta e ormai radicalizzata rassegnazione. Zone periferiche, come San Tommaso e il Torrione, ma anche molte altre, come addirittura via Boncore, sono state completamente dimenticate, e questo non va bene. 
Un elogio agli operatori, però, va fatto. Sono stati bravissimi e solerti, hanno lavorato notte e giorno per ottenere quanto meno la possibilità di percorrere il paese in auto e di poter garantire le emergenze. Per questo mi sento di plaudire sentitamente. Bravi. Per il resto noto le solite tifoserie: chi la vede tutta bianca e chi la vede tutta nera. Ovviamente non è né l’una né l’altra cosa: si poteva fare meglio ma si poteva anche fare peggio. Puntiamo al meglio per il futuro.

Luca Craia