martedì 16 gennaio 2018

Azizi il macedone e la sua Castelluccio. Una storia d’amore tra l’uomo e la sua terra di adozione abbandonata dall'Italia.



La storia di Azizi, raccontata oggi dall’ANSA (leggi l'articolo) è una storia molto semplice e, come quasi tutte le storie semplici, diventa complessa e toccante. È la storia di un uomo che arriva in Italia dalla Macedonia nel 1991 e si stabilisce a Castelluccio di Norcia. Lavora e si inserisce nella piccola comunità per poi, sei anni fa, prendere in gestione il ristorante Sibilla, locale noto ai frequentatori di questo gioiellino dei Sibillini, locale che, come buona parte di Castelluccio, non c’è più perché spazzato via dal terremoto del 2016. Azizi è sfollato a Belforte del Chienti, ma continua ad andare nella “sua” Castelluccio diverse volte a settimana, nonostante arrivarci sia complicatissimo. Va in macchina fino a Gualdo per poi proseguire a piedi fino al paesino che domina l’omonimo altopiano. Lo fa perché non vuole perdere il contatto, perché lì ha le sue cose, perché quella ormai è casa sua e non ne vuole altre.
Ad Azizi hanno assegnato una SAE, ma solo sulla carta, perché a Castelluccio di SAE non c’è nemmeno l’ombra. Così il nostro amico macedone ogni tanto si porta la tenda e dorme nel sacco a pelo. La scorsa notte è anche nevicato, ma lui afferma di tollerare bene il freddo.
È una storia semplice, commovente. A me commuove l’amore che quest’uomo di quarantun anni prova per un paesino che è diventato la sua terra, che lo ha accolto e assorbito nel suo tessuto sociale. Commuove l’attaccamento e la voglia quasi disperata di avere ancora un futuro lì. E la commozione si trasforma in rabbia, perché per Castelluccio, a parte qualche proclamo, qualche stupidaggine detta qua e là, qualche promessa, qualche fantomatico progetto che è servito solo a qualcuno per polemizzare, non è stato fatto nulla, ma proprio nulla. E siamo a un anno e mezzo dal terremoto, un anno e mezzo di tribolazioni per gli agricoltori, un anno e mezzo di turismo perso, un anno e mezzo che sembra un secolo per un’economia che vuole ripartire ma che la burocrazia e chissà quale disegno politico imperscrutabile non vogliono rilanciare.
Vorrei che l’Italia intera provi a mettersi sotto la tenda di Azizi per una notte, anche in maniera virtuale, per far capire agli Italiani che non ci stanno raccontando la verità, che la ricostruzione per ora è solo una parola con un significato che sfugge, che fino a oggi abbiamo visto solo un sacco di nastri tagliati ma nulla di concreto. Fa freddo a Castelluccio in questi giorni. Vorrei che questo freddo arrivi a tutti, mentre guardano quei rassicuranti telegiornali nazionali che dicono che sta andando tutto bene. Non sta andando affatto tutto bene.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.