martedì 12 dicembre 2017

Le Marche dimenticate dal Governatore. Ma i Marchigiani a che pensano? Dove sono?



Ho seguito la vicenda dei fondi europei destinati al terremoto e utilizzati dalla Regione Marte per tutt’altri scopi. Non sono ancora intervenuto perché a volte ho l’impressione di essere ripetitivo e, forse, tedioso, dicendo praticamente le stesse cose da oltre un anno. Ho letto, poi, l’ottimo pezzo di Fabrizio Cambriani su Cronache Maceratesi (se lo volete leggere anche voi, e ve lo consiglio, cliccate qui) , un pezzo in cui viene fatto il punto soprattutto sulla polemica scaturita alla denuncia dello stesso notiziario di come questi fondi siano destinati a tutt’altro piuttosto che alla soluzione di problematiche legate al terremoto, con tanto di pubblico rimprovero da parte del Presidente Ceriscioli che non manca mai di dimostrare al mondo e ai Marchigiani quanto poco sappia, conosca, apprezzi e ami la regione che governa, almeno quella del sud.
In tutto questa tristissima rappresentazione di disonestà intellettuale unita a tracotanza e un pizzico di stupidità di fondo, mi viene, come un rigurgito acido, la domanda: ma i Marchigiani dove stanno? Che pensano? Perché non si infuriano? Riesco a capire la sostanziale rassegnazione dei terremotati, diretti interessati e sottoposti a ogni sevizia, perché di sevizie si tratta, da oltre un anno. Capisco che le energie si esauriscano, cali la voglia di combattere, venga a mancare lo stimolo a reagire. Ma il resto delle Marche dove sta?
In un Paese normale, che so, la Francia, per fare un esempio, governanti che si comportino come i nostri non potrebbero più presentarsi in pubblico, sarebbero oggetto delle ire popolari in ogni dove, avrebbero l’obbligo di spiegare al popolo le loro scelte scellerate e tiranniche. Sarebbero massacrati dalla stampa nazionale e non soltanto da quella locale, sarebbero costretti addirittura alle dimissioni, tanto scandaloso apparrebbe al popolo il loro comportamento.  Gli stessi iscritti ai loro partiti ne chiederebbero le teste.
I nostri, invece, inaugurano due SAE senza prendersi un solo pesce in faccia, vanno a convegni e non c’è nessuno che insceni una cencia di manifestazione di protesta. I loro partiti li sostengono e i tesserati si spezzano per difenderli affinando l’arte dell’arrampicata free climbing sugli specchi. Sorridono beati, come se tutto vada bene. E forse, alla fine, va tutto bene davvero, i terremotati semicongelati nelle roulotte stanno solo sognando e noi che ne raccontiamo le disavventure siamo solo un manipolo di deliranti esaltati.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.