giovedì 21 dicembre 2017

DOSSIER SAE: LA GRANDE SCHIFEZZA



Comunicato integrale

Il Coordinamento dei Comitati minaccia esposto se Governo,Commissario e Protezione civile non porranno immediatamente fine a questa mattanza psicologica delle popolazioni colpite dal sisma
1) ASSEGNAZIONE AREE:
Tempi epici per approvazione aree a causa di vincoli paesaggistici ed idrogeologici molto più teorici che pratici. Anac spada di Damocle e Regioni poco operative ed efficaci
2) ASSEGNAZIONE APPALTI:
La gara non prevedeva il divieto di subappalto e DURC di congruità per imprese appaltatrici; sarebbe stato inoltre opportuno dare una sorta di precedenza alle imprese locali!
Le penalità nei ritardi sono irrisorie
Ad oggi anche 26/30 subappalti in alcuni cantieri, casi di lavoratori in nero, assenza di tutela previdenziale e sanitaria per lavoratori, scarsa professionalità. Tutto a scapito della qualità delle SAE destinate ai terremotati
3) RITARDI NELLE CONSEGNE DELLE SAE RICHIESTE TOTALI N.3.664 /CONSEGNATE 1693 (46%)
ABRUZZO ​    238​/26(11%)
LAZIO​            826/687(​82%)
MARCHE​       1.844​/562(30%)
UMBRIA​         756​/418(55%)
TOTALE​ ​        3.664​/1693​(46%)
Per Natale erano state promesse l’85% delle SAE ma le previsioni date dalla Protezione Civile NON verranno NUOVAMENTE rispettate.
Vengono segnalati numerosi lavoratori non professionisti con oggettivi problemi nella realizzazione a regola d’arte e nella certificazione dei lavori.
Attualmente sono in corso lavori in 108 aree.
4) STRUTTURA E URBANIZZAZIONE
Come purtroppo riscontrato alle prime piogge nonché nevicate, queste Sae non sono adatte per i nostri territori: pendenze non idonee, comignoli troppo corti, boiler sui tetti che vengono messi fuori uso dalle basse temperature, umidità imperante, tubi a pochi centimetri dai pavimenti, fango ovunque. Ci piacerebbe chiedere a quegli ingegneri responsabili di cotanti danni, se siano soddisfatti del proprio lavoro ed alle società vincitrici degli appalti se ritengano di aver fornito un ottimo servigio a fronte di costi così elevati sostenuti dagli italiani.
5) CASI DI LITIGI E STATI DI EBREZZA
Abbiamo ricevuto segnalazioni di numerosi casi di ubriacature con conseguenti litigi, schiamazzi e situazioni pericolose per operai stessi e terremotati.
Abbiamo chiesto l’intervento delle Questure responsabili che ci hanno immediatamente fornito supporto

6) PROBLEMI DI OGNI GENERE
Innumerevoli ed inaccettabili sono i problemi riscontrati nelle Sae appena consegnate.
Seguono le foto e link video di situazioni oggettivamente inaccettabili
Conclusioni
Il quadro analizzato è non soltanto preoccupante, ma necessita di essere affrontato in maniera molto seria dal Governo/Commissario/Protezione Civile/Regioni/
Chiediamo due interventi di urgenza:
1) organizzare una task force che ripari ai lavori mal eseguiti e prevenga disagi visto che siamo in pieno inverno.
2) intensificazione dei controlli su contratti, società appaltanti, regolarità previdenziale e sanitaria operai, professionalità e possibilità certificazione operai , applicazione immediata penalità
Ultimo ma non da ultimo ci piacerebbe avere delle risposte ad alcuni quesiti che i nostri fratelli terremotati ci pongono costantemente:
• Se si effettuano controlli così accurati sulle procedure di appalto perché ci sono decine di subappalti a società delle quali non si conosce neanche l’identità ?
• Perché si fanno le pulci ai terremotati che per necessità si sono arrangiati investendo di tasca propria per costruire una casetta di legno o vivere in una casa mobile , facendo così risparmiare almeno 200.000€ a famiglia allo stato?
• lo sapete che il decreto “salva Peppina” non salva nessuno e costringerà moltissimi terremotati a lasciare le casette mobili/di legno?
• E’ vero che l’appalto delle SAE è stato assegnato con la promessa di tempo di realizzazione  pari a 1 SAE  ogni 19 ore e 20 minuti ma che nei contratti il tempo concesso è superiore?
• È vero che la penale massima applicabile (10%) rende economicamente conveniente non rispettare il tempi già lunghi dei contratti (il lavoro notturno e festivo costerebbe di più)?
• E’ vero che si dichiarano chiusi lavori che non lo sono? (fondamentale per penali e eventuali azioni per danno extracontrattuale), ma nella realtà lavorano ben oltre i tempi concordati?
• Sapete cosa significa per chi ha perso la propria casa , abitare finalmente una Sae e constatare che ancora l’incubo non è finito?
Confidiamo queste nostre riflessioni vengano prese in seria considerazione da Governo, Commissario, Protezione Civile e tutte le parti coinvolte al fine di porre immediatamente fine alla sofferenza dei nostri fratelli Terremotati.
In caso contrario saremmo costretti a presentare un esposto alle autorità competenti.

I Coordinatori Comitati Terremoto Centro Italia

Francesca Mileto
Francesco Pastorella