martedì 21 novembre 2017

Arrivano a Fermo 16.000 tonnellate di rifiuti organici. Contenti?



L’Umbria è in difficoltà per lo smaltimento dei rifiuti organici, quelli definiti “FORSU” e che, in parole povere, sarebbero l’umido prima di essere trattato e riciclato. Ne dà notizia Cronache Maceratesi. Per questo motivo ha chiesto alla Regione Marche di accogliere parte della sua produzione di rifiuti e, naturalmente, la Regione ha accettato dietro corresponsione di compenso, ovviamente.
Poco importa se, nelle Marche, ancora non siamo attrezzati per smaltire una tale mole di immondizia e, quindi, toccherà stoccarla in attesa che vengano costruiti gli impianti di smaltimento che, per legge, dovrebbero essere pronti entro il 2020. Forse è proprio per reperire fondi destinabili alla costruzione di questi impianti che ci sorbiremo l’immondizia umbra, ma è il cane che si morde la coda perché, nel frattempo, tutta questa roba non si sa che fine farà.
Dovrebbe essere destinata alle province di Ascoli e Fermo, ma Ascoli non dispone di discariche attive per poter stoccare il materiale, per cui è pensabile che arrivi tutto a Fermo per poi, da lì, muoversi lentamente verso fantomatici impianti di trattamento, con tutto quello che ne consegue in termini di intasamenti stradali di mezzi pesanti e inquinamento. Un capolavoro.

Luca Craia