martedì 17 ottobre 2017

La comitiva al potere



Nel formulare i miei auguri di buon lavoro al nuovo direttivo del PD montegranarese, che poi tanto nuovo non è, visto che si tratta prevalentemente di riconferme, volevo complimentarmi anche con l’ex segretario e attuale assessore all’ambiente, Roberto Basso, per la brillante carriera politica e l’operazione strategica che lo ha portato a essere attualmente l’uomo forte del partito a Montegranaro nonostante la collezione di insuccessi conseguita in pochi anni.
Basso è partito subito forte, diventando, giovanissimo (pochi anni fa, è ancora molto giovane), segretario della sezione giovanile del PD montegranarese e, sotto la sua segreteria, la sezione si è dissolta nel nulla, perdendo bellissime teste e promettenti nuovi amministratori. Come premio per questo splendido risultato è stato eletto segretario della sezione, e anche qui ha raggiunto traguardi importantissimi; la sezione, sotto la segreteria Basso, è sostanzialmente scomparsa: nessuna iniziativa, nessun evento, nessuna uscita sulla stampa, nessuna presa di posizione ufficiale. Sembra quasi che la sezione non ci sia più, tanto che la sede è in vendita.
A un certo punto Basso si dimette da segretario, dice che l’impegno a assessore lo assorbe troppo per seguire bene anche il partito. Potrebbe fare il contrario, dimettersi da assessore e rimanere segretario, ma preferisce questa strada. D’altra parte il segretario ha meno visibilità, potere e stipendio di un assessore. Al suo posto, come reggente, mette una persona a lui molto vicina, un’amica anche nella vita privata. Così riesce a mantenere un po’ di controllo (un po’?) anche nella segreteria dove siedono anche altri amici personali. Ancora amici personali all’interno di Veregra Lab, l’associazione che cura alcuni dettagli di Veregra Street e che ultimamente ha ottenuto l’uso di locali all’interno del municipio, quegli stessi locali che erano stati chiesti dall’Ente Presepe ottenendo un diniego. La stessa associazione otterrà, a quanto pare, anche gli spazi nell’ospedale vecchio anch’essi richiesti e negati all’Ente Presepe.
Insomma: Basso è davvero l’uomo forte del momento nel PD: ha uomini suoi in diverse posizioni strategiche, parla e si espone molto e molto di più dei suoi colleghi di giunta e parla decisamente di più della segreteria che, invece, da mesi è silenziosissima. Le elezioni stanno arrivando, sono dietro l’angolo, e chissà quali disegni il nostro ingegnere avrà progettato per il 2018. Staremo a vedere, le capacità progettuali non gli mancano.


Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.