mercoledì 6 settembre 2017

Quei fiori al balcone

Ci sono dei fiori secchi sul balcone. Sono secchi perché nessuno li ha più annaffiati per oltre un anno. Nessuno li ha più annaffiati perché nessuno è potuto più entrare in quella casa per oltre un anno. Quella casa oggi andrà giù, abbattuta da uomini mandati a farlo, perché quella casa non sta più in piedi. Con lei andranno giù anche i fiori.
Annaffiare i fiori, il gesto più quotidiano, normale, abitudinario che possiamo pensare. Si annaffiano con una sorta di automatismo, magari pensando ad altro, magari organizzando la giornata, pensando ai figli da portare o da prendere a scuola, a cosa fare per pranzo o per cena, alla spesa, alle faccende, al lavoro che ci attende.
Percorrere una cucina per riempire l’innaffiatoio, magari cercare il concime nell’armadio per diluirlo nell’acqua, gesti quotidiani. Ciabatte che strusciano sul pavimento, porte da aprire e chiudere, cigolii di cerniere, profumi di cucina, luci riflesse dai vetri: tutto questo verrà buttato giù, insieme ai fiori, insieme a un vissuto, a ricordi, a pezzi di vita. Rimane la speranza di ricostruire, magari meglio, magari più bello. Il ricordo, quello non lo butta giù nessuno.
(a Maria Luisa)

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.