venerdì 8 settembre 2017

Centro storico: Beverati scende sulla Terra ma ci parla di un altro pianeta.



Leggo le parole dell’assessore al centro storico di Montegranaro, l’architetto, Giacomo Beverati, che oggi vengono pubblicate dal Corriere Adriatico, parole che giungono dopo diverse “punture” dell’Ape partite nei mesi scorsi, mesi in cui abbiamo registrato la totale assenza dell’assessore sulle questioni che riguardano questo particolare ufficio. Le leggo e sussulto, domandandomi: dove è stato in ferie, Beverati? Su quale pianeta? Perché qui ci sta raccontando di una realtà che nulla ha a che vedere con la nostra: un centro storico migliorato, con meno erbacce, meno guano di piccione, più curato. Dove? Su quale pianeta? Ditemelo che mi trasferisco.
Il centro storico sta vivendo uno dei momenti peggiori della storia, nonostante inizialmente si era visto qualche miglioramento della pulizia stradale, miglioramento che ora è scomparso nel nulla. I piccioni abbondano e la puzza del loro guano a giorni è irrespirabile. Le erbacce prosperano, i ratti pure ma soprattutto a preoccupare è la situazione del patrimonio immobiliare, sia pubblico che privato. D’accordo che il Comune non fa l’agenzia immobiliare, come dice l’architetto (anche se ci aveva provato con la fallimentare pagliacciata delle case a 1 Euro), ma una politica di rilancio delle ristrutturazioni si potrebbe applicare. Consumo di suolo zero, ricordate? Io sì, ma a piazza Mazzini pare se lo siano scordati.
Beverati ancora pensa al turismo, dopo tre anni di nulla se non qualche episodio risibile. E pensa ancora che a Montegranaro vengano milioni di persone negli outlet, quando sappiamo tutti che, con Prada sceso a valle in contrada Brancadoro, il flusso si è ridotto al lumicino. Sul pianeta dove era in ferie il nostro assessore, evidentemente, la notizia non è arrivata. Così come non si è accorto, l’architetto, che a Montegranaro la Proloco non ha più senso, specie dopo l’operazione “resurrezione” occultamente pilotata dalla coppia Ubaldi-Beverati e miseramente naufragata sul palco del La Perla.
In quanto alle associazioni, ancora una volta tirate in ballo a sproposito, queste avrebbero il ruolo semplice e marginale di aver suggerito due o tre punti su cui intervenire, punti che, tra l’altro, si potevano mettere in campo da subito ma sono passati mesi e non si è fatto niente, come nella migliore tradizione. Ma se questo è il ruolo delle associazioni, se le linee guida del piano di rilancio del centro storico sono già pronte e non c’è stato alcun coinvolgimento delle associazioni nella loro stesura, credo che potremo proseguire così: fate pure da soli, poi vedremo.
Il problema, comunque, rimane sempre lo stesso: chi amministra non ha contatti con la realtà, anzi, ha una visione totalmente distorta della stessa in quanto non la vive e nemmeno si interessa a informarsi a dovere. Il tavolo con le associazioni sarebbe stato un buon sistema per avere il polso della situazione ma, a quanto pare, è servito solo per fare qualche comparsata sul giornale. E intanto si va avanti così, il degrado degrada ulteriormente e l’assessore fa i soliti proclami. E c’è anche chi ancora gli crede.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.