sabato 16 settembre 2017

Caso di chikungunya nelle Marche. Malattia benigna ma pericolosa. Occorre disinfestare le zanzare



È stato riscontrato a Castelplanio, in provincia di Ancona, un caso di chikungunya, una malattia già manifestatasi in Africa e in Asia che normalmente non ha esiti infausti ma può essere molto dolorosa. Il male si menifesta in due stadi: il primo, in cui procura febbre alta e forti dolori articolari, e un secondo in cui compare un’eruzione cutanea pruriginosa. È il primo caso nelle Marche ma non in Italia, visto che nel Lazio è in corso una piccola epidemia. L’uomo colpito dalla chikungunya è già guarito e sta bene, per cui non c’è troppo da preoccuparsi ma resta l’allerta, più che altro relativa al sistema di trasmissione della malattia.
La chikungunya, infatti, non si trasmette da uomo a uomo ma solo tramite la puntura della zanzara tigre che si infetta e propaga il virus. Quindi, per evitare il contagio, occorre porre molta attenzione alla proliferazione delle zanzare. Dato che sembra dato comune a molte cittadine una certa negligenza nella disinfestazione programmata, forse sarebbe il caso di porre maggiore attenzione a questo aspetto che, a quanto pare, assume una rilevanza maggiore rispetto al semplice fastidio procurato da questi insetti.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.