giovedì 17 marzo 2016

Lu Voccentò e le corriere – Sciapichetti commentato parte II



(In maiuscolo i commenti)

Sul punto tre come si intende procedere per un miglior monitoraggio a verifica delle prestazioni del servizio di trasporto pubblico locale su gomma al fine di garantire seri standard di sicurezza e di efficienza la regione attraverso la legge regionale 45 articolo 22 comma 1 stabilisce che spetta appunto alla regione l'esercizio della vigilanza e controllo periodico per l'accertamento della regolarità della sicurezza e della qualità dei servizi del trasporto pubblico a tal fine a cadenza annuale viene promossa una campagna di rivelazione della qualità percepita dagli utenti a cura del servizio informativo statistico( A MONTEGRANARO NON LI HA VISTI NESSUNO, FORSE SI SONO PERSI DENTRO AL PARCHEGGIO DI PIAZZA STAMIRA. SI RACCOMANDA DI NON CERCARLI FARLI VENIRE A MONTEGRANARO TRA INDENNITA' DI TRASFERTA E ALTRI ONERI POTREMMO RITROVARCI CON UN AUMENTO DELLE TARIFFE DI UN ULETRIORE 10%.) le cui risultanze sono oggetto di confronto con le aziende e gli enti locali titolari dei contratti di servizio per l'adozione degli opportuni interventi. Inoltre il comma due del medesimo articolo prevede che ispezioni e verifiche per l'acquisizione di dati presso l'azienda affidataria dei servizi, in base a tale disposizione con decreto giunta regionale …... 2014 la giunta ha istituito un’apposita commissione ispettiva congiunta regione province a carattere permanente attribuendole l'esercizio delle funzioni ispettiva e di controllo e di vigilanza previsto dall'articolo 22 della 45 e successive modifiche nelle modalità previste dai comma 1 e 2. Le province e i comuni titolari dei contratti di servizio del trasporto pubblico locale rispettivamente nell'ambito urbano ed extra urbano sono tenuti contrattualmente a loro volta ad effettuare con cadenza annuale attività di monitoraggio della qualità erogata dalle aziende esercenti con riferimento a: Regolarità del servizio pulizia dei mezzi qualità dell'informazione dell'utenza( QUINDI LA PROVINCIA APPURA ANNUALMENTE CHE I PULMAN PASSANO TUTTI I GIORNI, CHE I MEZZI NON SONO STATI USATI PER IL TRASPORTO BESTIAME , QUINDI SONO PULITI, E CHE SUI PALI DELLE FERMATE CI SONO INDICATI GLI ORARI) ecc. la trasmissione alla regione delle risultanze di tali attività è condizione necessaria per il trasferimento a tali enti locali della quota a saldo del contributo annuale per il finanziamento dei contratti di servizio ai sensi della legge 45.( SE PERCORRONO 16 KM E TE NE FANNO PAGARE 20 NON FREGA UN TUBO A NESSUNO, TANTO CHI PAGA E' L'UTENTE) La regione inoltre a seguito dell'applicazione delle pannellarizzazioni…..(non si capisce) previste dall'articolo 16 bis del dpcm 2013 che fissa i criteri per il riparto del fondo nazionale per il trasporto pubblico locale relativo all'annualità 2015 per non aver conseguito a pieno per il triennio 2012-2014 il conseguimento degli obbiettivi minimi di efficientamento fissati da detto dcpm ha promosso la costituzione di un tavolo intermodale composta da rappresentanti della regione treni Italia e dalle aziende esercenti i servizi di trasporto pubblico locale automobilistico regionale che dovrà riunirsi con cadenza almeno trimestrale (QUINDI UN SERVIZIO CHE NON HA RAGGIUNTO NEMMENO GLI OBBIETTIVI MINIMI HA REGISTRATO UN AUMENTO DELLE TARIFFE DEL 10%. PER LA SERIE CORNUTI E BASTONATI. HANNO COSTITUITO UN TAVOLO INTERNODALE TRA REGIONE E DITTE, PER LA SERIE SE LA SUONANO E SE LA CANTANO, PER DIRSI COSE CHE GIA' SANNO, MAGARI SE AVESSERO INVITATO LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI E DEGLI STUDENTI SI SAREBBERO ACCORTI CHE SUONANO MALE E CANTANO PEGGIO. COME FAI HA GIUSTIFCARE AI CONSUMATORI CHE UN SERVIZIO CHE NON HA RAGGIUNTO GLI OBBIETTIVI MINIMI DI EFFICENTAMENTO AUMENTA LE TARIFFE, COME FAI A SPIEGARE AGLI STUDENTI CHE IL UN SERVIZIO INEFFICENTE E' GOVERNATO DA GENTE CON STIPENDI DA 100.000 CIRCA ANNUI??. COME POSSIAMO PARLARE AI NOSTRI GIOVANI DI MERITOCRAZIA?? )