martedì 7 aprile 2015

Il degrado dilagante di Montegranaro



Ci sono piccoli particolari, che poi alla fine non sono neanche tanto piccoli, che ci danno la misura dell’attaccamento alla propria terra, del bene che si vuole alla propria città, delle dedizione con la quale si amministra un paese. Sono segnali che indicano l’atteggiamento di chi amministra ma anche di chi è amministrato, della sua partecipazione, attenzione alla realtà che lo circonda e lo riguarda.
Quando un paese come Montegranaro degrada inarrestabilmente per anni e il cittadino non si indigna, non si ribella ma accetta le cose così come sono senza nemmeno imputare a chi è responsabile di questo degrado le proprie responsabilità siamo di fronte a qualcosa che sembra ormai senza speranza.
Vedere lo stato di abbandono dell’area sottostante l’anfiteatro di largo Giovanni Conti fa male agli occhi e al cuore. Una struttura di recente realizzazione che, bella o brutta che sia, è comunque costata dei bei soldi, soldi pubblici non può essere abbandonata in questo stato, oltretutto a pochi metri dal cuore della città, dove si fanno manifestazioni, dove ci si ritrova e ci si incontra. C’era una fontana lì ma è stata gradualmente abbandonata dalle amministrazioni comunali che si sono susseguite e distrutta dai vandali. L’amministrazione Gismondi non se ne è mai occupata e la nuova giunta forse non sa nemmeno che esiste.
Così come sembra ignorare l’esistenza dei bagni pubblici, realizzati nel sotterraneo della struttura. Sarebbero un servizio pubblico importante ma per entrarci occorre farsi l’antitetanica e chissà quale altra vaccinazione. Sporchi, rovinati, distrutti, rappresentano il nostro grado di civiltà, la cura che abbiamo per le nostre cose e l’amore per la nostra città. La politica non se ne occupa, i cittadini non ne parlano, si girano di là. Quando il cittadino non si indigna per queste cose non c’è più speranza, perché anche chi ha il dovere di prendersene cura si sente autorizzato a fregarsene. Ecco perché vedo molto male il nostro futuro.

Luca Craia

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.